Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Il miracolo di Lourdes che ha condotto alla fede un medico vincitore del Premio Nobel

ALEXIS CARREL
Condividi

Il dottor Carrel era dietro Marie Bailly quando le vennero versate sull’addome tre caraffe di acqua benedetta…

La conversione di Carrel

Quando Carrel testimoniò quell’evento estremamente rapido e inspiegabile a livello medico pensò di aver assistito a qualcosa di simile a un miracolo, ma per lui era difficile crederci per via del suo agnosticismo, e quindi non tornò alla fede cattolica della sua infanzia.

Voleva anche evitare di essere testimone di un evento miracoloso perché sapeva che se la questione fosse diventata pubblica avrebbe rovinato la sua carriera alla facoltà di Medicina di Lione.

La guarigione di Marie Bailly sembrava però così evidentemente miracolosa (essendo stata rapida, completa e inspiegabile) che venne diffusa dai media francesi e mondiali. I giornalisti indicarono che Carrel non pensava si trattasse di un miracolo, il che costrinse il medico a scrivere una dichiarazione pubblica affermando che una parte (formata da alcuni credenti) saltava a conclusioni miracolose in modo troppo rapido, mentre un’altra (la comunità medica) aveva rifiutato senza giustificazione di considerare fatti che sembravano miracolosi.

Come temeva, il sostegno alla possibilità della guarigione miracolosa della Bailly portò alla fine della sua carriera all’università di Lione, il che ebbe ironicamente un ottimo effetto sul suo futuro, perché lo portò all’Università di Chicago e poi alla Rockefeller University. Nel 1912 ricevette il Premio Nobel per il suo lavoro sull’anastomosi vascolare.

Carrel tornò varie volte a Lourdes, e in un’occasione fu testimone di un secondo miracolo – la guarigione istantanea di un bambino cieco di 18 mesi.

Nonostante i due miracoli a cui aveva assistito, non ha sostenuto con decisione la realtà dei miracoli fino al 1942, quando ha annunciato che credeva in Dio, nell’immortalità dell’anima e negli insegnamenti della Chiesa cattolica.

Questo articolo è un estratto dal testo di padre Robert Spitzer Contemporary, Scientifically Validated Miracles Associated with Blessed Mary, Saints and the Holy Eucharist, pubblicato originariamente dal Magis Center e riprodotto dietro permesso esplicito. Per leggere il testo completo dell’articolo di padre Spitzer cliccate qui.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni