Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconStile di vita
line break icon

Come gestire la goffaggine nell’amare?

FLOWERS

Shutterstock

padre Carlos Padilla - pubblicato il 06/11/18

Il mio cuore è imperfetto, ma posso accettarlo e vivere felice

Le persone con una disabilità riconosciuta si mostrano così davanti agli altri. Conoscono i loro limiti e accettano di essere trattati in base a questi. Io, però, nella disabilità occulta del mio cuore, voglio mostrarmi perfetto davanti agli altri.

Non voglio che si vedano né la mia ferita né il mio peccato o la mia debolezza. Li nascondo, perché nessuno li veda. Come se andasse tutto bene e il pericolo e la tentazione fossero passati per sempre.

Non voglio che la mia debolezza dia altri problemi. Passo oltre. Voglio chiudere tutto nell’anima. Per non soffrire più. È come se potessi andare avanti ormai senza ostacoli.

Ma accettare le mie debolezze non è tanto semplice. Guardarle con pazienza. Capire che sono un disabile nel cuore per sempre.

E dovrò accettarmi come sono sapendo che Dio può entrare attraverso la ferita della mia anima. E che può farlo anche l’amore umano.

Guardo la mia vita con allegria e sorrido. Dio può fare tutto nuovo in me, ma rispetta la mia natura. Rispetta la mia imperfezione.

Perché mi piacciono tanto le cose perfette? Non ha senso. Io non sono perfetto. Mi ritengo indegno di guardare le debolezze altrui.

Diceva padre Josef Kentenich: “Contiamo sulle debolezze umane. Sono un compito per me. Affrontandole mi dirò: Cosa posso cambiare? Ha senso parlare molto? Se lo ha lo farò, se non lo ha stringerò i denti” [1].

Accettare l’altro com’è è possibile solo se prima ho visto la mia povertà e ho sorriso. Sono fragile, e nella mia fragilità non posso smettere di lodare Dio e rendergli grazie per tutto ciò che mi concede. Per il mondo e la vita che mette nelle mie mani.

Nella mia disabilità incontro persone che mi aiutano ad accettarmi come sono e a vivere felice e grato.

  • 1
  • 2
Tags:
amoreimperfezione

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni