Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Chiesa

11 suggerimenti per essere dei bravi oratori nella vostra parrocchia

YOUTH MEETING WITH PEDRO OPEKA

LUČKA OBLAK

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/11/18

Attenzione a come vestite, al modo in cui scandite il discorso e ai "segnali" che vi lancia il pubblico. Che sia una omelia o una conferenza, evitate errori grossolani!

Una serie di utili suggerimenti per essere buoni oratori in parrocchia. Che siate un sacerdote o un laico, l’importante è evitare errori banali e stimolare alcuni metodi anti-noia.

InPoche chiacchiere! (Collana I PRATICI ELLEDICI)”Giorgio Agagliati ci dispensa questi consigli. La premessa è incoraggiante: non è necessario frequentare corsi di dizione per tenere una conferenza o un’omelia. Il criterio-guida è il realismo: «Non siamo e non diventeremo attori, siamo operatori della pastorale che puntano all’efficacia della propria comunicazione sapendo che non è un accessorio, ma parte integrante del nostro servizio».

1) Il look

BUSINESS WOMAN
Shutterstock

Il modo di presentarsi di fronte a un pubblico dice molto di noi, e lo dice a prescindere dalle nostre intenzioni. Siamo liberi di scegliere il look che più sentiamo adeguato, ma ricordando che in qualche modo influenzerà la pre- disposizione dell’uditorio prima ancora che apriamo bocca.

Capelli: come voglio, ma puliti e ordinati. Se un uomo porta la barba, che non sia incolta.

Abbigliamento: ci sono canoni non scritti che consigliano di orientarsi o verso un modo di vestire coerente con la situazione e l’ambiente sociale che incontreremo, o di essere decisamente alternativi ad esso.

Chi porta un abito religioso e chi sale all’altare, quindi indossa le vesti liturgiche, non ha il problema della scelta dei capi da indossare, ma deve badare che tutto sia a posto: il diavolo si annida nei dettagli, non è un caso e non è per vanità se nelle sacrestie c’è quasi sempre uno specchio a grandezza naturale.




Leggi anche:
5 consigli liturgici e spirituali per i ministeri della musica e i cori parrocchiali

2) La voce

OFFICE
Monkey business images - Shutterstock

La voce non si può cambiare, ma si può usare al meglio delle sue caratteristiche. Per farlo bisogna conoscere bene la propria voce, e questa conoscenza non si può basare sul fatto che mentre parliamo ci sentiamo, perché la nostra voce ci arriva «dall’interno» e la percezione è diversa da quella che ne hanno gli altri. Meglio registrarsi e riascoltarsi: pur tenendo conto delle sia pur piccole variazioni di timbro e frequenza che uno strumento introduce, il feed-back sonoro sarà molto più vicino a ciò che ricevono i nostri ascoltatori.

Se abbiamo una voce grave non tentiamo gli acuti, se è una voce di testa non proviamo a fare i bassi profondi.

La maggior parte di noi ha una cadenza regionale più o meno accentuata. La si può almeno in parte controllare, e nei limiti del possibile è bene farlo quando siamo in un ambiente fonetico diverso dal nostro, ma non ce ne dobbiamo preoccupare particolarmente.

3) I gesti

La gestualità è importantissima, è un vero e proprio linguaggio parallelo al parlato e c’è tra i due una reciproca influenza. La gestualità non può quindi contraddire la locuzione né essere forzata rispetto alla nostra indole. È impossibile proporre un efficace crescendo di voce mantenendo le braccia quasi immobili, ma non è necessario arrivare ai “mulini a vento”.


MEETING ROOM

Leggi anche:
7 regole per evitare che le riunioni nella vostra parrocchia siano scoccianti

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
parrocchia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni