Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 12 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconChiesa
line break icon

11 suggerimenti per essere dei bravi oratori nella vostra parrocchia

YOUTH MEETING WITH PEDRO OPEKA

LUČKA OBLAK

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 03/11/18

Attenzione a come vestite, al modo in cui scandite il discorso e ai "segnali" che vi lancia il pubblico. Che sia una omelia o una conferenza, evitate errori grossolani!

Una serie di utili suggerimenti per essere buoni oratori in parrocchia. Che siate un sacerdote o un laico, l’importante è evitare errori banali e stimolare alcuni metodi anti-noia.

InPoche chiacchiere! (Collana I PRATICI ELLEDICI)”Giorgio Agagliati ci dispensa questi consigli. La premessa è incoraggiante: non è necessario frequentare corsi di dizione per tenere una conferenza o un’omelia. Il criterio-guida è il realismo: «Non siamo e non diventeremo attori, siamo operatori della pastorale che puntano all’efficacia della propria comunicazione sapendo che non è un accessorio, ma parte integrante del nostro servizio».

1) Il look

BUSINESS WOMAN
Shutterstock

Il modo di presentarsi di fronte a un pubblico dice molto di noi, e lo dice a prescindere dalle nostre intenzioni. Siamo liberi di scegliere il look che più sentiamo adeguato, ma ricordando che in qualche modo influenzerà la pre- disposizione dell’uditorio prima ancora che apriamo bocca.

Capelli: come voglio, ma puliti e ordinati. Se un uomo porta la barba, che non sia incolta.

Abbigliamento: ci sono canoni non scritti che consigliano di orientarsi o verso un modo di vestire coerente con la situazione e l’ambiente sociale che incontreremo, o di essere decisamente alternativi ad esso.

Chi porta un abito religioso e chi sale all’altare, quindi indossa le vesti liturgiche, non ha il problema della scelta dei capi da indossare, ma deve badare che tutto sia a posto: il diavolo si annida nei dettagli, non è un caso e non è per vanità se nelle sacrestie c’è quasi sempre uno specchio a grandezza naturale.




Leggi anche:
5 consigli liturgici e spirituali per i ministeri della musica e i cori parrocchiali

2) La voce

OFFICE
Monkey business images - Shutterstock

La voce non si può cambiare, ma si può usare al meglio delle sue caratteristiche. Per farlo bisogna conoscere bene la propria voce, e questa conoscenza non si può basare sul fatto che mentre parliamo ci sentiamo, perché la nostra voce ci arriva «dall’interno» e la percezione è diversa da quella che ne hanno gli altri. Meglio registrarsi e riascoltarsi: pur tenendo conto delle sia pur piccole variazioni di timbro e frequenza che uno strumento introduce, il feed-back sonoro sarà molto più vicino a ciò che ricevono i nostri ascoltatori.

Se abbiamo una voce grave non tentiamo gli acuti, se è una voce di testa non proviamo a fare i bassi profondi.

La maggior parte di noi ha una cadenza regionale più o meno accentuata. La si può almeno in parte controllare, e nei limiti del possibile è bene farlo quando siamo in un ambiente fonetico diverso dal nostro, ma non ce ne dobbiamo preoccupare particolarmente.

3) I gesti

La gestualità è importantissima, è un vero e proprio linguaggio parallelo al parlato e c’è tra i due una reciproca influenza. La gestualità non può quindi contraddire la locuzione né essere forzata rispetto alla nostra indole. È impossibile proporre un efficace crescendo di voce mantenendo le braccia quasi immobili, ma non è necessario arrivare ai “mulini a vento”.


MEETING ROOM

Leggi anche:
7 regole per evitare che le riunioni nella vostra parrocchia siano scoccianti

  • 1
  • 2
Tags:
parrocchia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni