Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

«Capolinea: scendere tutti». Il colpo di genio di un autista che aiuta un disabile

BUS PARIS
Condividi

Un atto di bontà coraggioso che mette in risalto anche un’inquietante mancanza di civiltà. Un autista della RATP si è segnalato, la settimana scorsa, per aver permesso a una persona disabile di salire a bordo mentre nessuno voleva farle posto.

La scena si svolge nel nord di Parigi, porte de Clichy (XVII arrondissement). Un uomo aspetta il bus col fratello. Quest’uomo soffre di sclerosi primaria a placche, una patologia progressivamente invalidante che lo obbliga a spostarsi in carrozzina. Quando il veicolo RATP arriva, il macchinista attiva la rampa del mezzo che gli permetta di accedere all’abitacolo. Ma all’interno del bus, stipato di gente, nessuno si muove.

«Capolinea: scendere tutti»

«Vedendo questo, l’autista della RATP è rapidamente intervenuto. Si è alzato e ha detto: “Capolinea, scendere tutti”. Le persone sono uscite, alcune borbottando», ha raccontato l’uomo all’HuffPost. Mentre i passeggeri pazientavano per prendere la navetta successiva, prevista per cinque minuti dopo, l’impiegato della società di trasporti ha lasciato il volante per avvicinarsi al disabile e a suo fratello. Precisando che non ha preso i recapiti del benefattore, l’uomo spiega:

È venuto da me e mi ha detto di salire a bordo con mio fratello. Ci ha detto che della carrozzina tutti potevano trovarsi ad aver bisogno da un giorno all’altro.

Oltre alla manifesta inciviltà dei passeggeri, questa storia permette anche di prolungare la riflessione interrogandosi sull’accessibilità ai trasporti pubblici per le persone che soffrono di handicap fisici. Il 26 settembre scorso diverse decine di persone in carrozzina avevano manifestato a Parigi per denunciare infrastrutture inadeguate. Nel mirino della protesta la metro della capitale, di cui soltanto le 9 stazioni della linea A presentano attrezzatura adeguata per gli handicappati. La rete dei bus, invece, almeno da questo punto di vista è esemplare: accessibile al 100%.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni