Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 11 Aprile |
Domenica dell'Ottava di Pasqua
home iconSpiritualità
line break icon

La differenza tra prova e tentazione

MAN,STRUGGLING,PRAYER

Christopher Lemercier | CC0

Canção Nova - pubblicato il 31/10/18

La prova ha la sua origine in Dio, nel permesso divino

Anche se certe prove possono avere dietro il demonio, vengono permesse da Dio per la crescita e la maturazione della persona. Come afferma la Parola di Dio, “… sapendo che la prova della vostra fede produce la pazienza. E la pazienza completi l’opera sua in voi, perché siate perfetti e integri, senza mancare di nulla” (Giacomo 1, 3-4).

Così è stato con Giobbe. Era un uomo integro, timoroso di Dio, ma il Signore ha permesso che il demonio lo mettesse in difficoltà, perché sapeva che Giobbe era in grado di sopportarlo. “Dio è fedele e non permetterà che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi darà anche la via d’uscita e la forza per sopportarla” (1 Corinzi 10, 13).

È importante sottolineare che come un professore quando distribuisce un compito in classe resta in silenzio e osserva come ogni alunno mette in pratica ciò che ha imparato, così fa Dio nelle nostre prove. Mi piace dire che la prova è un test, mentre una tentazione è una trappola.




Leggi anche:
Volete rimanere fedeli a Cristo? 5 modi per resistere alle tentazioni

Cosa dice il Catechismo?

Il Catechismo spiega chiaramente la via che possiamo seguire per combattere la tentazione e superare le prove:

“Lo Spirito Santo ci porta a discernere tra la prova, necessaria alla crescita dell’uomo interiore in vista di una « virtù provata », e la tentazione, che conduce al peccato e alla morte” (CCC, n. 2847). E prosegue: “Il combattimento e la vittoria sono possibili solo nella preghiera” (CCC, n. 2849).

La nostra vita di preghiera e la nostra amicizia con lo Spirito Santo saranno per noi i mezzi sia per vincere le tentazioni che per superare le prove.

Esiste una virtù che dobbiamo chiedere per vincere sia le tentazioni che le prove, ed è la virtù della fortezza. Ecco cosa dice il Catechismo: “La fortezza è la virtù morale che, nelle difficoltà, assicura la fermezza e la costanza nella ricerca del bene. Essa rafforza la decisione di resistere alle tentazioni e di superare gli ostacoli nella vita morale. La virtù della fortezza rende capaci di vincere la paura, perfino della morte, e di affrontare la prova e le persecuzioni” (CCC, n. 1808).

Dio effonda su di voi lo Spirito Santo e vi conceda tutta la saggezza e il discernimento necessari per crescere nelle vie del Signore!

  • 1
  • 2
Tags:
provatentazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni