Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 consigli di San Giovanni Paolo II per approfittare al meglio del riposo domenicale

JOHN PAUL II
Arturo Mari
Jean Paul II en privé. Photo inédite.
Condividi

di Kenneth Pierce

Quando ero piccolo, ricordo un’esperienza che forse suona familiare a varie persone (di una certa età): la domenica era molto difficile trovare un negozio aperto. Al giorno d’oggi è tutto diverso, e sembra che il riposo domenicale si diluisca sempre più tra consumismo e attivismo.

Forse ci fa più comodo trovare tutto aperto la domenica – chi non ha avuto la necessità di comprare qualcosa quel giorno? Vivere in questo modo, quasi senza riposo, può però influire a poco a poco su tutta la nostra vita, portandoci a perdere di vista l’essenziale.

Gesù era un sostenitore del riposo. Egli stesso, dopo un arduo periodo di lavoro, si è ritirato a riposare con i suoi discepoli. I primi cristiani capivano l’importanza del riposo, e la domenica – dies Domini, giorno del Signore – è stata preservata fin quando, col passare del tempo, è diventata parte del calendario civile.

San Giovanni Paolo II, in una bella lettera intitolata proprio Dies Domini, ricordava che alternare riposo e lavoro è inscritto nella natura umana. La domenica, poi, non serve solo a non lavorare, né a fare una parentesi nella vita o a “scollegarsi” (ci si può scollegare da se stessi?) Il riposo inteso in questo modo non fa riposare, anzi, col tempo ci frustra o diventa tempo perso.

Il Papa santo segnalava che la domenica è proprio il giorno del Signore, e ha come centro l’Eucaristia. Nella stessa lettera offriva altri suggerimenti per vivere bene la domenica e santificarla. Vediamo quali sono i consigli di un grande santo!

1. Andare a Messa (non dovrebbe servire neanche dirlo!)

L’Eucaristia è ovviamente il centro della domenica. Non è un’“attività” tra le tante, né dovrebbe essere un obbligo, ma un incontro pieno d’amore con Cristo risorto. Gesù fa nuove tutte le cose, e accogliendolo accogliamo la sua vita che ci rinnova. Il senso del riposo non è forse rinnovarci? Se ci pensiamo, non può esserci autentico rinnovamento se non partendo da Cristo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni