Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconSpiritualità
line break icon

Una preghiera contro gli incubi e il perché dovremmo essere grati per questi

Shutterstock

Tom Hoopes - pubblicato il 30/10/18

I sogni ci terrorizzano nello stesso modo in cui lo fanno i film horror – attaccando la speranza. Trovano qualcosa a cui teniamo nella nostra vita e lo fanno a pezzi.

Ho sentito di sogni che attaccano perfino la Beata Vergine. L’altro mio incubo ricorrente aveva come protagonista mia madre.

Sognavo di svegliarmi di notte e di guardare la mia stanza. Riuscivo a vedere mio fratello nel suo letto, e ai piedi del mio c’era una ragazzina con lunghi capelli grigi e castani che mi guardava in modo inespressivo.

Non diceva nulla di minaccioso, ma un senso di disagio mi riempiva di orrore e riuscivo a malapena a muovermi mentre lottavo per svegliarmi per liberarmi dal suo sguardo. Quando mi svegliavo la stanza era lì, ma lei non c’era più.

Questi sogni si sono ripetuti per mesi – più o meno una volta a settimana –, finché una volta la ragazzina è diventata cattiva. Nel sogno cercavo di svegliarmi ma non ci riuscivo, e allora iniziavo a gridare invocando mia madre. Questo agitava la ragazzina, e quando mia madre appariva sulla porta lei si accucciava come un animale e le balzava addosso, gettandola a terra e graffiandole il volto.

Mi sono svegliato ansimante e terrorizzato.

Gli scienziati suggeriscono che i sogni sono un meccanismo cerebrale e forniscono una “terapia di esposizione” che ci permette di affrontare situazioni che non sappiamo come gestire – stare da soli in un parcheggio, trovare inaspettatamente qualcuno in camera propria…

È un modo per dire che gli incubi ci possono aiutare. Sono di ausilio anche le storie bibliche di Giuseppe nell’Antico Testamento e Giuseppe nel Nuovo Testamento, perché entrambi interpretano degli avvertimenti contenuti nei sogni.

La mia ammonizione biblica preferita sui sogni è però quella del Siracide per la quale i sogni non significano niente (Sir 34, 1-7).

Ad ogni modo, per stare tranquilli, stasera reciterò la preghiera dei monaci, e magari ci aggiungerò anche un’Ave Maria.

  • 1
  • 2
Tags:
preghierasogni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni