Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

San Pietro e Paolo sono apparsi a San Francesco d’Assisi. Ecco cosa gli hanno detto

© Par Francisco de Zurbarán — The Yorck Project (2002)
Saint François en extase par Francisco de Zurbarán, Alte Pinakothek, Munich.
Condividi

Accadde nella Chiesa di San Pietro a Roma

Predicare in coppia in tutto il mondo. San Francesco d’Assisi aveva dato queste disposizione ai suoi Confratelli. E lui stesso si mise a capo di questa “spedizione”. Partì insieme a frate Masseo alla volta della Francia per iniziare una opera di evangelizzazione.

Il messaggio

Durante questo viaggio, nel 1217, avvenne un fatto straordinario, narrato ne “I Fioretti” (edizioni San Paolo). Francesco e Masseo si diressero verso una chiesa che incontrarono sul loro cammino. I due si misero in orazione. Francesco era molto concentrato, e aveva il volto irradiato dallo Spirito Santo.

A quel punto Francesco disse al compagno di pregare per San Pietro e San Paolo, affinché insegnassero ai due frati il «tesoro smisurato della santissima povertà». Quel tesoro che «noi, uomini vili, non siamo degni di possedere»; quella «virtù celestiale per la quale tutte le cose e transitorie e terreno si calcano».

La povertà, secondo Francesco, è la virtù attraverso la quale si entra in contatto e si dialoga con gli angeli. Ed è quella stessa virtù che accompagnò Cristo sulla croce, «con Cristo fu seppellita, con Cristo resuscitò, con Cristo salì al cielo».

Leggi anche: San Francesco d’Assisi spiega il significato del Padre Nostro

Il “tesoro della santissima povertà”

ST PETER
© Wikimedia. Saint Peter With His Keys, by Rubens. 
Pietro: In genere viene rappresentato con le chiavi, che sono le chiavi del Paradiso, ma lo si può anche vedere accanto a una barca, simbolo della Chiesa, della quale era responsabile; un gallo rappresenta il suo rinnegamento di Cristo; la croce invertita è l'espressione del suo martirio; la tripla croce indica la sua dignità papale.

Ecco perché è importante pregare, osservava Francesco, gli apostoli di Gesù che hanno sposato in pieno questa grazia. Francesco e Masseo giunsero a Roma durante questo lunghissimo pellegrinaggio, che poi doveva virare verso nord e uscire fuori dai confini nazionali. Si recarono così alla Chiesa di San Pietro e iniziarono a pregare intensamente i due apostoli.

Improvvisamente Pietro e Paolo apparvero a Francesco e gli dissero che siccome lui voleva imitare Cristo e i suoi Apostoli, «il nostro Signore Gesù Cristo ci manda a te ad annunziarti che la tua orazione è esaudita», e Dio concede al “poverello” e ad i suoi «seguaci», «il tesoro della santissima povertà».

Leggi anche: Ecco la penitenza più dura che ha sopportato San Francesco d’Assisi

Le benedizione celeste

ŚWIĘTY PAWEŁ Z TEB
Wikipedia | Domena publiczna
San Paolo

Chiunque seguirà questo esempio, dicono Pietro e Paolo a Francesco, potrà godere della «beatitudine eterna», «e tu e tutti i tuoi seguaci sarete benedetti da Dio».

A quel punto l’apparizione finì, lasciando il frate «pieno di consolazione». Francesco restò ancora in orazione, poi tornò da frate Masseo che stava pregando poco lontano da lui. Masseo gli chiese se Dio gli avesse rivelato qualcosa. Francesco rispose di “no”. Ma l’apparizione era stata degli Apostoli, e disse al suo amico cosa gli avevano detto.

A quel punto entrambi, «pieni di letizia», abbandonarono l’idea di andare in Francia e tornarono a Spoleto a comunicare la lieta novella agli altri confratelli.

Leggi anche: Così il demonio tormentava San Francesco d’Assisi

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.