Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
For Her

Perché sposarsi in Chiesa?

Shutterstock

5pani e 2pesci - pubblicato il 29/10/18

"Ci siamo sposati in chiesa perché non c’è gioia piena, gioia vera senza Cristo di mezzo".

Perché sposarsi in Chiesa? Perché organizzare tutta la cerimonia? Non basta volersi bene, mettersi un abito bianco, un bel bouquet e offrire due pasticcini? Tanto il matrimonio non è altro che un contratto fra un uomo e una donna, no?!

All’ultima domanda so che non tutti saranno d’accordo e non per la parola “contratto” ma per “uomo e donna”, ma questa è un’altra storia. Io non so che ne pensate del matrimonio, ma la maggior parte delle mie amiche tedesche (viviamo a Friburgo) non è sposata. Loro hanno figli e sembrano felici. Sono persone da cui davvero sto imparando molto. Ma allora che cosa c’è di diverso, cosa cambia se sei sposato in chiesa?

Non sono teologa e non conosco bene il magistero della chiesa (so che dovrei…!!!) ma qualche giorno fa è stato il nostro anniversario di matrimonio e so bene perché l’ho fatto. Otto anni fa, in una cappellina ad Assisi, sposavo il mio principe azzurro. Ero emozionata. La chiesina bella e suggestiva, la pioggia battente e la fisarmonica di un amico. Un giorno molto bello e memorabile che metteva il sigillo al nostro amore.




Leggi anche:
“Lui mi ama ma allora perché non vuole sposarmi?” Qualche consiglio per non rimanere fidanzate a vita!

Eravamo in tre.In tre?! obietterà qualcuno. Sí, eravamo in tre e non ero incinta. Eravamo in tre perché il Signore si è sposato con noi. Egli ha fatto un alleanza con noi, si è sporcato le mani con il nostro misero volerci bene.

Perché in chiesa?

Perché il matrimonio è una vocazione, è una chiamata, è la chiamata alla gioia, alla felicità, alla santità (soprattutto per chi sposa un uomo-orso che parla solo quando è strettamente necessario oppure un rompiscatole come mio marito!). I santi prima di essere proclamati tali sono proclamati beati in francese heureux cioè felici. Ci siamo sposati in chiesa perché non c’è gioia piena, gioia vera senza Cristo di mezzo. Lo dico davvero con presunzione e per cognizione di causa.

La differenza fra me e le mie amiche sta nel fatto che loro devono contare solo sulle loro forze, noi abbiamo il Signore. La differenza è enorme perché se avessi dovuto contare solo sulla mia sopportazione o solo sulla mia pazienza non penso neanche che ci sarei arrivata a sposarmi uno come Francesco. Soprattutto nei momenti di crisi non avrei pensato “E se fosse una grazia?!” oltre a “Ma chi me la fatta fare a me!” ma lo avrei lasciato, era sicuramente la cosa più semplice e meno faticosa in quel momento di buio totale. Se non avessimo avuto il Signore saremmo stati ancora a correre dietro la carriera.Se non avessimo avuto il Signoreavremmo preso scelte tutte in base alla sicurezza e non alla Sua provvidenza e quindi, ad esempio, non ci saremmo mai sposati con un mezzo lavoro precario mal pagato, senza una casa e a vent’anni. Non avremmo fatto tre figli e neanche 5pani2pesci. Insomma, se immagino questi otto anni insieme con una firma in comune vedo otto anni abbastanza tristerelli, pieni di sforzi e di false sicurezze.




Leggi anche:
Sposarsi è pericoloso! Provare (e guardare) per credere!

Ma tu su cosa ti vuoi poggiare? Chi vi sostiene come coppia? Ma voi due su cosa e da chi attingete sostegno, forza, libertà? Chi fa verità nella vostra affettività, nella vostra relazione? Se non fate entrare il Signore nella vostra storia invano faticano i costruttori. Se lo Spirito Santo non è con voi ma ‘ndò annate? Se dal Signore non attingete sapienza e da Lui provvidenza faticherete tanto come gli altri e non avrà neanche senso.

Non sto dicendo che chi non si sposa in chiesa non è felice e nemmeno che i loro matrimoni non durano. Dico però che amarsi da Dio è un’altra cosa, è secondo un’altra logica, è secondo un altro modo di intendere la libertà, dico solo che è più bello.

Provare per credere.

E poi … si invita tanta gente a sto matrimonio e invitalo pure il Signore no! Uno in più che te costa?




Leggi anche:
Volete migliorare il vostro rapporto di coppia? Care mogli, ecco 10 consigli per voi!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
matrimonio
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni