Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Satana è vissuto a Milano nella prima metà del ‘600

SHUTTLESTOCK / Creative Commons Wikipedia
Condividi

Ad impersonificarlo sarebbe stato un marchese vissuto nella zona di Porta Romana. Un'antica leggenda racconta cosa accadde in quegli anni segnati dalla peste

Il diavolo a Milano aveva un nome e un cognome: Ludovico Acerbi, nobile vissuto nel seicento in un Palazzo aristocratico in corso di Porta Romana, al numero 3.

Feste sontuose e aspetto tetro

Acerbi giunse nel capoluogo lombardo per conto della corona spagnola, di cui curava gli interessi. A Milano il nobile condusse una vita particolarmente dissoluta, girando per la città su una carrozza trainata da sei cavalli neri. Era sempre circondato da sedici giovinetti pallidi come vampiri, e il suo stesso aspetto misterioso, la sua barba folta e nera di certo non miglioravano la sua immagine tetra. Peraltro organizzava nella sua residenza feste sontuose con balli, canti, lunghe cene.

L’uomo, evidentemente, non si curava dello stato di povertà sempre più insopportabile in cui versava la Milano dell’epoca. E forse fu proprio questo suo disinteresse per chi non poteva godere dei suoi stessi agi a renderlo inviso ai suoi concittadini.

La peste

Ma ad accendere la fantasia popolare furono le nefandezze che il marchese avrebbe compiuto durante la peste del 1630, la stessa narrata nei Promessi sposi dal Manzoni.

Creative Commons - Wikipedia
Palazzo Acerbi, la "casa del diavolo"

Secondo la leggenda, infatti, mentre la popolazione veniva decimata dall’impietoso morbo, Acerbi continuava a ostentare la sua vita di ricchezze, percorrendo la città a velocità folle con la sua lussuosa carrozza e dando balli nei suoi sontuosi saloni con decine di servitori in livrea verde. Tutto questo senza che né lui né i suoi ospiti si ammalassero mai. Questi episodi valsero al nobile il nomignolo non certo affettuoso di ‘Diavolo di Porta Romana‘.

La storia vera

Le accuse mosse al marchese erano, naturalmente, del tutto infondate: Acerbi in realtà morì anni prima dello scoppio dell’epidemia. Ma la leggenda continuò ad aleggiare attorno a questo personaggio così controverso, tanto che nel 2011 Acerbi divenne protagonista del romanzo ‘Gli Angeli di Lucifero‘, di Fabrizio Carcano. Il giallo narra dell’interesse che la figura del marchese suscitò negli ambienti esoterici e satanisti (Milano Today, 25 ottobre).

https://www.youtube.com/watch?v=jw9bnOnu0to

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.