Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Aleteia logo
home iconStorie
line break icon

“Troppo tardi per avere figli”. La testimonianza di Luciana Mantero e la sua lotta per la fertilità

youtube / TED Talk

Screenshot Youtube

Catholic Link - pubblicato il 26/10/18

Avere un figlio è fare un salto nel buio

È vero, per avere figli bisogna essere un po’ pazzi. Come dice Luciana, significa “lasciarsi trasportare da qualcosa che è molto più emotivo che razionale”. Nessuno che non sia ancora genitore comprenderà il significato che arriva ad avere la parola “sacrificio”. È proprio per questo che la parola “amore” trascende arrivando a un livello quasi incomprensibile.

La nostra cultura, centrata sull’egocentrismo, ci ha spinto a credere che nella nostra epoca un figlio sia un “problema”. Perché avere un figlio? Perché cercare altre spese? Perché sacrificare il proprio tempo e la loro libertà? E poi ci sono domande ancora più forti: perché portare altre persone in questo mondo così perverso? Non si è forse sentito parlare della sovrappopolazione?

Tutto questo accade perché abbiamo centrato i nostri sogni e i nostri desideri sulla soddisfazione e sul piacere dei sensi, sulle cose materiali e superficiali. Siamo sinceri: chi non vuole vivere bene? Nessuno! Tutti vogliamo e siamo chiamati ad essere felici, e anche Dio vuole che lo siamo. Quello che bisogna pianificare di nuovo è il modo in cui esserlo. Facendo riferimento al tema di essere genitori o meno, dovremmo riflettere sul modo in cui concepiamo la paternità e la maternità.

Se vogliamo diventare genitori benissimo. Se invece abbiamo scoperto che non siamo nelle condizioni di esserlo dev’essere rispettata anche quella decisione, e se stiamo lottando per diventarlo coraggio! Non bisogna criticare nessuna di queste posizioni, ma possiamo permetterci di pensare: La mia vita sarebbe diversa se qualcuno mi avesse detto questo?

Prima o poi, ogni decisione pesa

La testimonianza di Luciana e la sua lotta per diventare nuovamente madre mi ha commosso per due motivi: il primo è che nei momenti di angoscia e di sofferenza – mettendo da parte il fatto di essere credenti o meno – sorge una necessità immensa di credere che qualcosa di più grande di me, qualcuno più potente, qualcosa che la ragione non è in grado di cogliere, possa o debba aiutarmi a ottenere ciò che desidero tanto.

La supplica che sboccia dal cuore di Luciana, pur provenendo da una famiglia atea – come afferma nel video –, è la prova del fatto che quando ci riconosciamo fragili e bisognosi qualcosa dentro di noi ci fa elevare lo sguardo al cielo, gridando con frustrazione e speranza “Dio, se ci sei aiutami!” Luciana ricorre alla Vergine Maria di fronte alla tristezza e alla disperazione, e affida la sua situazione alla nostra Mamma celeste. E sorprendentemente afferma poi che quel secondo figlio per il quale stava lottando tanto insieme al marito è arrivato quando meno se lo aspettavano.

La seconda ragione è il suo desiderio di condividere con altre donne la sua esperienza di lotta per la maternità – pensare “Non voglio che sia tardi per te, non voglio che tu debba passare per le stesse cose, che tu soffra o possa pentirti in futuro, che ti batta il petto dicendo ‘Perché nessuno me l’ha detto quando ero giovane?’”

Chiedetevi in questo momento “Cosa succederebbe se in questo istante vi dicessero che la vostra possibilità di avere figli è finita per sempre?” Fareste qualcosa di diverso rispetto a quello che state facendo ora?

Qui l’originale apparso su Catholic Link

  • 1
  • 2
Tags:
fertilità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CARLO ACUTIS
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis e quella “rivelazione”: “I miei angeli custodi sono ...
2
MARCELLO BELLETTI
Annalisa Teggi
Un padre, una madre e 7 figli. Non è follia ma sovrabbondanza
3
VENEZUELA
Ramón Antonio Pérez
Quando la vita nasce dall’abuso atroce di una ragazza disabile
4
Paola Belletti
Il tuo bimbo ancora in utero ti ascolta e impara già prima di nas...
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
SQUID GAME, NETFLIX
Annalisa Teggi
Squid game, il gioco al massacro è un mondo senza misericordia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni