Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

“Troppo tardi per avere figli”. La testimonianza di Luciana Mantero e la sua lotta per la fertilità

youtube / TED Talk
Screenshot Youtube
Condividi
di Nory Camargo

In questo intervento TED, Luciana Mantero mi è sembrata piuttosto assertiva su un tema che oggi, ironicamente, suscita controversie ogni volta che viene menzionato: la fertilità. Sorgono interrogativi di ogni tipo, da “E se non volessi avere figli?” e “Chi dice che i figli ci rendono felici?” a “Chi dice che le donne sono chiamate alla maternità?” e “Chi ha inventato la storia che la finalità del matrimonio è la procreazione?”

Ci sono due fazioni, o meglio tre. Una è quella per la quale la maternità e tutto ciò che implica questo concetto è un sogno, una di quelle cose che possiamo definire “il meglio che mi è capitato nella vita”. Il secondo gruppo è composto dalla cosiddetta generazione NOMO, le donne che hanno deciso di non essere madri, quelle per le quali l’idea di diventare madri è semplicemente inconcepibile. C’è poi un terzo gruppo, formato da quelle coppie per le quali l’arrivo di un figlio è diventato la lotta più difficile della vita.

Ciò che mi è piaciuto di più della testimonianza di Luciana è l’appello che rivolge a rispettare le decisioni altrui sul tema della fertilità (senza che questo voglia dire optare per l’aborto come soluzione). Se una coppia non vuole avere figli va bene. Perché dobbiamo sempre cercare dei motivi per opporci a una decisione di questa portata? Se una coppia vuole avere più di tre figli in pieno XXI secolo, perché dobbiamo scandalizzarci e impicciarci di quello che non ci riguarda? Se una coppia non è riuscita a concepire, perché ci affrettiamo a opinare sul tema, a giudicare, puntare il dito o criticare?

Ecco alcune riflessioni su cui vorrei soffermarmi dopo aver ascoltato Luciana:

Un’epidemia silenziosa a cui nessuno ci prepara

Si parla molto di come essere genitori – di quello che dobbiamo fare, di come prepararci, della lunghissima lista delle cose da comprare per l’arrivo di un figlio… -, ma si parla poco dell’infertilità, di come affrontarla e come non trasformare questo ostacolo in un detonatore che finisce per danneggiare il rapporto di coppia. Di come andare avanti con il sogno frustrato di diventare padre e madre o come sopportare i commenti della gente come se non avessimo un cuore che si può spezzare.

Se in questo momento state attraversando la dura prova di non sapere se il “miracolo” avverrà, comprenderete molto bene di cosa parlo. I commenti fanno male, e ancor di più quando vengono da amici intimi o familiari. Capirete anche che non avevate mai provato un desiderio tale che qualcosa funzionasse e che questo tipo di situazioni mette alla prova la fede. Sarà un castigo di Dio? Perché ora che desideriamo diventare genitori tutto si complica? Perché per alcuni avere dei bambini è facile quanto sfornare il pane? Perché ci sono donne che concepiscono facilmente pur non volendo essere madri e altre no?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni