Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Sto amando troppo o facendo più di quanto mi spetta?

HOPEFUL WOMAN
Shutterstock
Condividi

Se amo in Dio, questa esagerazione ha senso e il mio amore non è mai eccessivo

Desidero che l’allegria sia la caratteristica della mia anima. Come una costante nascosta dietro giorni non troppo felici.

Come quella pace che scende dall’alto coprendomi con la sua ombra e sostenendomi quando mi manca la terra sotto i piedi.

Non voglio che la tristezza annuvoli il mio cammino, e ripeto nell’anima: “Il Signore è stato grande con noi, e siamo felici”.

Sono felice perché Dio mi ha fatto vedere nella vita quanto mi ama, ma a volte dimentico il peso della sua voce e la solidità delle sue parole. Come se tutto ciò che ho vissuto non valesse nulla. Come se all’improvviso Dio avesse smesso di guardarmi.

Mi unisco alle parole del profeta: “Gridate di gioia Innalzate canti di gioia per Giacobbe, esultate per la prima delle nazioni, fate udire la vostra lode e dite: Il Signore ha salvato il suo popolo, un resto di Israele”.

Il Signore è stato grande con me e sono felice. Guardo la mia storia e ringrazio per il potere della sua mano. Per la sua presenza misteriosa in mezzo alle mie debolezze e alle mie cadute. Il Signore è sempre lì a sostenere i miei passi.

Guardo la mia vita e penso a tante gioie che Dio mi ha donato. Credo che la gioia che ho vissuto mi abbia riempito il cuore. “Per questo san Tommaso diceva che si usa la parola “gioia” per riferirsi alla dilatazione dell’ampiezza del cuore” [1].

L’amarezza cresce forse nell’anima per la tristezza vissuta. L’amarezza avvolge lo sguardo e mi rende meschino. Per questo devo curare le fonti della mia gioia.

Ma dove risiede la mia gioia? Dove sono le fonti a cui devo attingere per essere allegro?

Giorni fa un sacerdote di 88 anni mi diceva: “Di me stesso posso dire solo che sono stato un sacerdote felice, e che la felicità nella mia vita non è derivata dal fatto di fare la mia santa volontà, ma dallo scoprire la volontà di Dio e aderirvi”.

È il salto di fede che mi costa tanto fare. E a volte penso che la mia gioia risieda nel seguire i miei desideri, nel fare solo ciò che voglio e rifiutare di seguire altre vie prescritte da chi mi circonda. Sbaglio.

Penso alle fonti della gioia a cui attingo. Quali sono? L’amore umano è una fonte di gioia? È vero che l’amore, il legame, è così fragile… Posso ferire amando. Posso amare male e non suscitare né vivere la gioia.

Guardo il mio cuore malato quando ama creando dipendenze. L’amore è la fonte della mia gioia. Lo so. Ma se non me ne prendo cura può essere fonte di amarezze, di ferite, di rancori.

Diceva San Francesco di Sales: “Che gioia amare senza timore di esagerazione! Ma quando si ama in Dio non c’è nulla da temere” [2].

Pagine: 1 2

Tags:
amore
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni