Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 16 Ottobre |
Santa Margheria-Maria Alacoque
Aleteia logo
home iconStile di vita
line break icon

Si può misurare la felicità?

WORK

Joshua Resnick / Shutterstock

Miguel Pastorino - pubblicato il 26/10/18

Un orizzonte ristretto

Nessuno può negare che le neuroscienze e le indagini psicosociali apportino molte informazioni che ci aiutano a comprendere meglio la vita umana e i modi di vivere, come fino a qualche anno fa neanche sognavamo.

Il pericolo è cadere nei riduzionismi empirici che riducono la realtà a tutto ciò che è constatabile mediante la ricerca, non mettendo in discussione i presupposti teorici che stanno dietro le ricerche. Si dà per scontato perché “i numeri parlano”, senza discutere le domande che ci si pongono o i fattori culturali, linguistici e filosofici che condizionano i modi di pensare la realtà e se stessi.

Si parla dei risultati di una ricerca quantitativa come se ci si trovasse di fronte alla totalità del reale, di fronte all’unica versione possibile e irrefutabile, senza tener conto di limiti, varietà di interpretazioni e condizionamenti culturali.

L’ossessione di “essere felici”

Il XX secolo e gli inizi del XXI sono stati testimoni di un cambiamento culturale senza precedenti. La crisi dei grandi riferimenti a livello di senso e il vuoto di certezze hanno creato generazioni di persone bisognose di ricostruire una base su cui sostenere la vita.

La colonizzazione della cultura del consumo nella vita culturale ha ridotto il concetto di felicità al benessere emotivo e materiale. Cosa cerca l’essere umano quando dice che vuole essere felice?

Oggi molti psicologi parlano degli eccessi dell’ossessione per la felicità, il che sembrerebbe generare un effetto contrario: persone che si considerano infelici perché idealizzano una “vita felice”.

Il neurologo, psichiatra e filosofo austriaco Víctor Frankl, sopravvissuto ai campi di concentramento nazisti, ha posto al centro della sua riflessione il problema del “senso della vita”, ed era convinto del fatto che più l’essere umano cerca la felicità intesa come benessere, più si diluisce e perde se stesso, diventando infelice.

Per Frankl, la felicità è la conseguenza di una vita con senso, di una pienezza interiore che non si vede schiacciata da fattori esterni, per quanto difficili possano essere. E il senso lo dà un amore grande, valori elevati per cui vivere e l’apertura alla trascendenza (Dio).

Molte persone che vivono in base alle “dritte” sulla felicità dettate dal mercato ricorrono solo ai modelli di “vita felice” delineati culturalmente dai media e dalla pubblicità, vivendo così in uno stato di insoddisfazione quotidiana e nell’ansia di trovare una pace che non arriva mai.
Secondo Frankl, le persone felici sono quelle che si dedicano a una causa o ad altre persone, in grado di donarsi e sacrificarsi, di affrontare situazioni limite e trascendere.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
felicità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
“Dio ti darà dei segni”. Quel messaggio di Carlo Acutis all’amica...
2
Gelsomino Del Guercio
Carlo Acutis parlava di un regalo che gli aveva fatto Gesù. Di co...
3
PRAY
Philip Kosloski
Preghiera al beato Carlo Acutis per ottenere un miracolo
4
CARLO ACUTIS
Silvia Lucchetti
“I primi miracoli mio figlio li fece il giorno del funerale”
5
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
BERGOGLIO
Gelsomino Del Guercio
“Se non mi sposo con te, mi faccio prete”. Così parlò il futuro P...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni