Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Beata Giovanna Maria Bonomo
home iconNews
line break icon

Etiopia, il lungo processo di pace

SOLDIERS ETHIOPIA

Magdalena Paluchowska I Shutterstock

Agnès Pinard Legry - pubblicato il 26/10/18

Il governo etiope ha annunciato il 22 ottobre di aver concluso un accordo di pace con l’ONLF, un gruppo di ribelli separatisti del sud-est del Paese, mettendo ufficialmente fine a più di tre decenni di insurrezioni.

È una nuova vittoria diplomatica, quella riportata dal primo ministro etiope, Abiy Ahmed. Un accordo di pace è stato concluso domenica 21 ottobre tra il ministro etiope agli Affari Esteri Workneh Gebeyehu, il vice-presidente della regione somala Mustafa Omer e alcuni membri del Fronte Nazionale di Liberazione dell’Ogaden (ONLF), uno dei più antichi gruppi ribelli di Etiopia. Ufficialmente, questo accordo mette fine così a più di trent’anni di insurrezioni nella regione somala d’Etiopia.




Leggi anche:
Etiopia-Eritrea: Finalmente speranze di pace dopo 20 anni di guerra

Tre decenni di moti

«Le delegazioni del governo etiope e dell’ONLF hanno avuto discussioni produttive e hanno siglato un accordo storico che permette all’ONLF di continuare una lotta politica pacifica in Etiopia», ha spiegato il ministro etiope agli Affari Esteri con un comunicato. In agosto, a monte della firma dell’accordo, il Parlamento etiope aveva ritirato tre gruppi armati, tra cui l’ONLF, dalla lista delle organizzazioni considerate come “terroriste” dal Paese – per incoraggiare il gruppo a dichiarare un cessate il fuoco.




Leggi anche:
Etiopia: le incredibili chiese della “Gerusalemme nera”

In parallelo, il 16 settembre un nuovo accordo di pace era stato firmato in Arabia Saudita tra l’Etiopia e l’Eritrea, ricordando che la guerra tra i due paesi – durata vent’anni – era terminata e che ormai era prioritario lavorare su una grande cooperazione. “Prossimamente” dovrebbero vedere la luce degli specifici accordi economici.

Un primo ministro riformatore?

Con questi due accordi di pace e con la liberazione dei prigionieri politici, Abiy Ahmed, che ha assunto le proprie funzioni in aprile, rimanda l’immagine di un primo ministro riformatore che tenta di aprire lo spazio democratico e di riconciliare il potere centrale con differenti gruppi di opposizione.




Leggi anche:
Etiopia: solo Dio e i missionari si ricordano del dramma umanitario

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
africaguerra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni