Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 16 Aprile |
Santa Bernadette Soubirous
home iconNews
line break icon

“No” ai matrimoni di minori

LITTLE BRIDESMAID

Jarretera I Shutterstock

Paul De Maeyer - pubblicato il 25/10/18

La situazione in Bangladesh

Anche se in calo, il numero dei matrimoni di minori rimane alto in un altro Paese asiatico: il Bangladesh. Secondo un rapporto diffuso nei giorni scorsi in occasione della Settimana dei diritti dell’infanzia 2018 dall’ONG Ain O Salish Kendra (ASK), il Bangladesh ha il tasso di matrimoni di minori tra i più alti al mondo, scrive il Dhaka Tribune (19 ottobre).

Mentre nel 2017 oltre la metà delle ragazze in Bangladesh risultavano sposate prima del raggiungimento del loro 18° compleanno, un’inchiesta condotta dal 2016 al 2017 in 19 distretti ha evidenziato che il tasso di matrimoni di minori di un’età inferiore ai 15 anni è calato dal 62,8% nel 2015 al 10,7% l’anno scorso. Molto ridotto è stato invece il calo del tasso di matrimoni di minori di età inferiore ai 18 anni, cioè dal 62,8% nel 2015 al 59,7% nel 2016.

Nel suo rapporto l’ONG raccomanda, tra gli altri, ai legislatori di chiudere le lacune nella Child Marriage Restraint Act, approvata dal parlamento di Dhaka nel febbraio 2017, e di chiarire le cosiddette “circostanze speciali” menzionate nella norma, che permettono a minorenni di contrarre matrimonio prima dell’età statutaria, per evitare eventuali abusi.

Fenomeno molto diffuso in Africa

Anche in Africa il fenomeno delle spose bambine “persiste testardamente”, scrive l’Economist (25 settembre). In Niger ad esempio tre ragazze su quattro si sposano prima del compimento del loro diciottesimo compleanno, così ricorda la scheda del settimanale inglese. Mentre l’età minima fissata dalla legge è 15 anni, alcune spose bambine sono molto più piccole: appena 9 anni.

Si calcola inoltre che degli approssimativamente 700 milioni di donne che nel mondo hanno contratto nozze prima del loro 18esimo compleanno, quasi un sesto, cioè 125 milioni, siano africane, continua il settimanale, che sottolinea il carattere rurale del fenomeno. A livello globale entro la metà del secolo quasi la metà delle spose bambine saranno africane, continua l’Economist.

Ma proprio dall’Africa viene anche un bell’esempio, il quale dimostra che è possibile ridurre in modo significativo il fenomeno. In Etiopia, cioè uno dei Paesi che in passato aveva uno dei tassi più alti di tutto il continente, è stato registrato nell’ultimo decennio il calo più netto di tutto il globo, cioè di un terzo, così ricorda il settimanale. Uno dei segreti è l’educazione: il governo di Addis Abeba è quello che in Africa destina all’istruzione la fetta più grande della spesa pubblica.




Leggi anche:
Lei ha detto “no”. Campagna shock sui social per fermare le spose bambine

Rischi legati ai matrimoni precoci

I matrimoni precoci, che di per sé costituiscono già un abuso, non solo ledono i diritti dei minori coinvolti, costringendoli ad esempio ad abbandonare la scuola, ma hanno anche un impatto negativo sulla salute delle bambine, che “sono più vulnerabili e più esposte a subire violenze e abusi sessuali”, così sottolinea l’ONG Plan International. Inoltre, le gravidanze e i parti sono la principale causa di morte tra le bambine della fascia 15-19 anni.

Il matrimonio precoce costituisce del resto un fattore di rischio per la prole delle bambine spose. Secondo l’ultima edizione del rapporto Levels & Trends in Child Mortality (Livelli e tendenze nella mortalità infantile), reso pubblico lo scorso mese dall’UNICEF, bambini nati da madri ancora adolescenti sono 1,5 volte più a rischio di morire nell’arco del primo mese di vita rispetto a bambini nati da mamme della fascia di età 20-29 anni.

Questo vale del resto anche per i bambini nati da madri che non hanno avuto alcuna istruzione scolastica. Risultano infatti ben 2,6 volte più a rischio di morire prima di compiere cinque anni rispetto a bambini di madri con un’educazione secondaria o superiore.

Insieme al circolo vizioso della povertà che caratterizza il fenomeno, sono tutti argomenti che indicano che la strada scelta dal governo della Malaysia è quella giusta. Il risultato dei matrimoni precoci sono ragazze escluse dall’istruzione e poi costrette a crescere bambini ad un’età in cui molte delle loro coetanee in altre parti del mondo giocano forse ancora con le bambole.

  • 1
  • 2
Tags:
bambinimalaysia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
3
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
FEMALE DOCTOR,
La Croce - Quotidiano
Atea e obiettrice di coscienza da 10 anni: “non ce la facev...
6
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni