Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Solo l’amore spudorato cancella la vergogna

WOMAN,TRAVEL
Condividi

Ci aggrappiamo ancora al nostro mondo, anche quando ci passa vicino il Creatore di tutto?

Un altro spunto è che Gesù risponde sempre a chi lo invoca in modo “spudorato”.

Immaginiamo di essere Bartimeo e non i suoi discepoli. Cosa faremmo se Gesù passasse vicino a noi e i suoi ci volessero tenere lontani? Saremmo calmi e gentili o faremmo una scenata chiedendo di vedere il nostro Salvatore?

Dipende da quello che sappiamo di Gesù – e di noi stessi.

Bartimeo aveva provato la vita senza Gesù, e la odiava. Senza Gesù era solo un mendicante cieco per la strada. Quando ha avuto la possibilità di cambiare quella situazione l’ha colta al volo.

Abbiamo raggiunto anche noi quel punto? Continuiamo ad aggrapparci al nostro mondo, anche se il Creatore di tutto ci sta passando accanto?

Ironicamente, quando ci rivolgiamo a Lui in modo spudorato sparisce tutta la vergogna.

La Prima Lettura e il Salmo raccontano cosa succede a Israele quando alla fine ammette in esilio che Dio è quello di cui ha bisogno.

Come il padre di un bambino in lacrime, Dio non riesce a resistere quando ci pentiamo a torniamo da Lui.

“Li raduno dalle estremità della terra”; dice la Prima Lettura; “fra loro sono il cieco e lo zoppo, la donna incinta e la partoriente: ritorneranno qui in gran folla”.

La gioia del popolo è senza fine: “Quando il Signore ristabilì la sorte di Sion, ci sembrava di sognare. Allora la nostra bocca si riempì di sorriso, la nostra lingua di gioia”, dice il Salmo.

“Chi semina nelle lacrime mieterà nella gioia”, riassume. Chi invoca Dio senza pudore sarà pieno di gioia.

Siamo disposti ad essere “spudorati” per Gesù? Non è una domanda teorica. Sta passando accanto a noi proprio ora. Gesù è presenta nella sua Chiesa, nei sacramenti e nel suo sacerdozio, come fa capire la Seconda Lettura.

“Il sacramento dell’Ordine comunica ‘una potestà sacra’, che è precisamente quella di Cristo”, afferma il Catechismo (n. 1551). Attraverso la grazia, il sacerdote è un alter Christus – un altro Cristo.

Rivolgersi spudoratamente a Cristo per noi significa andare a confessarci e parlargli senza paura, dicendogli tutto ciò che ci fa vergognare perché Egli possa riempirci di gioia.

Quando facciamo questo, Gesù ci chiede come ha fatto con Bartimeo: “Che cosa vuoi che io faccia per te?”

Dovremmo rispondere direttamente come ha fatto lui. “Che io veda!”

Dovremmo dirgli: “Voglio conoscere la tua presenza. Voglio vedere il peccato per quello che è. Voglio vederti in modo così chiaro da poterti condividere senza paura con chi ha bisogno di Te. Voglio la vita abbondante che prometti”.

Egli risponderà a quella richiesta come ha fatto nel Vangelo: “Va’, la tua fede ti ha salvato”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.