Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

La fama di santità di Santa Scorese: assassinata a 23 anni da uno psicopatico

SANTA SCORESE

Domaine Public

Santa Scorese, italiana assassinata nel 1991, serva di Dio in vista della beatificazione dal 1998. Volontaria crocerossina dall'età di 15 anni, si è impegnata nel movimento Gen 2 di Chiara Lubich (Focolari), ha condotto una vita molto pia e di grande carità riguardo ai bambini malati, e annota tutte le sue riflessioni spirituali in un Diario. Fu pugnalata da un giovane psicopatico che non cessava di farle della avances.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/10/18

Riprende la sua vita normale e anzi moltiplica i propri impegni: frequenta un corso per pionieri della Croce Rossa, si occupa di ragazzi colpiti da distrofia muscolare, svolge attività di volontariato. Visita gli anziani di una casa di riposo, non dimenticando che negli ultimi c’è realmente Gesù.

La vocazione

Inizia a porsi domande sulla sua vocazione, in particolare si chiede se è chiamata alla scelta matrimoniale o alla consacrazione a Dio, così come mostra qualche dubbio su quale cammino cristiano (tra i molti percorsi possibili) debba scegliere.




Leggi anche:
“Sorella, posso andare con gli angeli?”. Così la piccola Anna de Guignè è volata in cielo

Dio come compagno di vita

Appunta nel diario: «Io ora non devo pormi il problema di diventare missionaria o focolarina, ma prima di tutto se scegliere Dio come compagno per tutta la vita cercando di rimanergli fedele. Secondo me l’importante è dire sì a Te e poi tutto il resto diventa relativo». La sua identità è l’essere immedesimata con Gesù, il suo desiderio è affidarsi a Lui istante per istante: «Io ho deciso che mi tuffo in questa avventura… L’ho scelto perché mi sento amata e perché so che il mio è un amore piccolissimo, ma di cui Lui si è accontentato. Non so cosa mi farà fare, dove mi manderà, ma voglio fidarmi di Lui fino in fondo (…)».

“Grazie perché mi ami”

Santa non trascura i sui doveri di figlia e di studentessa, ma al primo posto pone sempre il rapporto personale e quotidiano con Gesù e con la Mamma celeste, nella fedeltà alla santa Messa, alla preghiera e ai Sacramenti. Tutto ciò le costa persino qualche piccola incomprensione familiare, ma lei non si scoraggia. Vive il gioioso coraggio della coerente testimonianza.

Scrive ancora: «Grazie perché mi ami, perché tieni a far sentire la tua presenza in me. Sto sperimentando il tuo amore nel dolore e nella gioia. Veramente, sento che sto crescendo, ma la constatazione più bella è che lo sto facendo con Te».




Leggi anche:
Nennolina, la bambina mistica e sofferente che scriveva le letterine a Gesù

Lo stalker

Nel 1989 un giovane psicopatico, che l’ha ascoltata in un annuncio della Parola di Dio nella cattedrale di Bari, si invaghisce morbosamente di lei, iniziando a seguirla di continuo, importunandola, minacciandola, inseguendola e, in qualche circostanza, persino aggredendola. La vita di Santa risente di tali ripetute intimidazioni: anche se immediatamente, tramite il papà poliziotto, sporge denuncia, è costretta a uscire accompagnata. Si moltiplicano precauzioni e iniziative di familiari e amici, segnalazioni alle strutture sanitarie e alla magistratura, esposti, cautele e limitazioni della libertà personale, vigilanza, scorte e turni di guardia. È un progressivo e devastante stillicidio quotidiano. Pur temendo per la sua vita, ribadisce al padre spirituale: «Se dovesse capitarmi qualcosa, ricordati che io ho scelto Dio».

Il messaggio profetico

Lo squilibrato per anni la segue ossessivamente: le invia lettere minatorie, moltiplica le telefonate, arriva a minacciarla direttamente: «Tu sarai mia o di nessuno! Nemmeno di Dio!».

L’8 marzo 1991, otto giorni prima di essere colpita, scrive: «Dobbiamo metterci nell’atteggiamento di Gesù, di chi, anche nelle difficoltà, ha il coraggio di abbandonarsi totalmente al Padre: “Non quello che voglio io, ma quello che vuoi tu”».




Leggi anche:
Scout, Cl, Cristo e un mare di amici: che carisma Giovanni Bizzozero!

Il femminicidio

Il 15 marzo 1991, dopo aver visitato con amici una giovane famiglia disagiata che seguiva da tempo, rientra da sola a casa e suona il citofono. Il papà risponde prontamente ma, non ricevendo alcuna risposta, si precipita preoccupato per le scale con un triste presagio. Trova sua figlia in preda al persecutore che l’attendeva nascosto dal buio. È colpita da quattordici coltellate. Nonostante il veloce trasporto all’ospedale Policlinico di Bari, in sala operatoria si constata la gravità delle lesioni, in particolare ai polmoni. I medici decidono di operarla, tentando in extremis di salvarla. Ma nel giro di pochi minuti Santa cessa di vivere, malgrado un disperato massaggio cardiaco.


Therese of Lisieux Joan of Arc Lúcia Santo Francisco and Jacinta Martos

Leggi anche:
Bambini, adolescenti, ragazzi: come si fa a diventare santi se si è così giovani?

Il perdono

Prima dell’intervento, parlando a fatica con la sorella, pronuncia le sue ultime parole di perdono per l’assassino.

Lasciamo questa meravigliosa testimonianze di fede e santità con una delle più belle poesie di Santa dedicate al Signore:

«Ti sento nel vento fresco che viene a rinfrancare il mio corpo.

Ti sento nell’aria pura che arriva nei miei polmoni e mi dà vita.

Ti colgo nella semplicità dell’erba,

dei fiori che si piegano davanti a te, l’onnipotente.

Ti lodo perché Sei e perché mi fai essere.

Ti lodo, Ti adoro e Ti ringrazio per tutte le attenzioni che hai per me.

Ti ringrazio anche per quelle formicuzze che si affannano

a portare via la briciola che è caduta dal mio panino:

Tu sei Provvidenza e mi rendi Provvidenza.

Non ha senso vivere per l’erba,

eppure Tu le dai la vita e sotto il cielo azzurro ti canta le sue lodi.

A Te basta poco, ti compiaci di quello che hai creato, perfetto in te,

e anch’io voglio gioire di quello che ho, di quello che mi dai».

  • 1
  • 2
Tags:
cammino di santitàtestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni