Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Come ricostruire l’intimità in un matrimonio (anche durante i periodi di astinenza)

READING IN BED
Alto Images | Stocksy United
4 Adottate una routine sana

Create delle abitudini che vi preparino ad andare a dormire, di modo che il vostro cervello si disponga in “modalità relax”. Ad esempio, può servire una doccia tranquilla, struccarsi e applicare prodotti che piacciono (curarsi come non si riesce a fare al mattino), ascoltare musica adeguata, preparare e bere un infuso che non contenga eccitanti come la caffeina, meditare, pregare...
Condividi

L’astinenza sessuale può spaventare, ma questi suggerimenti possono aiutarvi ad apprezzarvi l’un l’altro più che mai

Concentratevi di nuovo sul vostro matrimonio

Questa situazione emotiva e fisica può verificarsi anche se un coniuge pone troppa attenzione su altri aspetti della vita, concentrandosi sul lavoro, sulla cura dei figli, ecc., il che può portare a diminuire il tempo dedicato al rapporto coniugale.

“Cose come la carriera e i doveri familiari hanno spesso un impatto sulla vita sessuale della coppia, se la priorità sono queste cose anziché il matrimonio”, ricorda Drenner.

A volte dobbiamo mettere la famiglia al primo posto e trascurare alcuni compiti lavorativi o mancare a qualche allenamento sportivo dei figli in nome dell’appuntamento serale con il coniuge (sembra frivolo, ma quelle serate da soli sono davvero importanti). Chiedetevi se mettete davvero il vostro matrimonio al primo posto.

“Troppe coppie non rendono il matrimonio una priorità, e quindi soffrono nel loro rapporto”.

Ricostruite gradualmente la vostra intimità

Nicole Prause, neuroscienziata e psicologa, è la fondatrice di Liberos, una start-up che indaga sui meccanismi del cervello coinvolti nell’impulso sessuale. A volte, spiega, nel campo della psichiatria si suggerisce alle coppie di rinunciare al sesso per ricostruire il rapporto usando esercizi basati sul Sensate Focus.

“Gli esercizi del Sensate Focus vengono utilizzati per aiutare con tutta una serie di problemi sessuali”, afferma la Prause. “La prima regola è accantonare il sesso e avere approcci tattili graduali con il partner”. Se state già attraversando un periodo di astinenza, potrebbe valere la pena di provare questi esercizi.

Le fasi sono intese per costruire o ripristinare gradualmente fiducia, intimità e piacere tra i partner. L’esercizio del Sensate Focus può ridurre le associazioni negative di uno o entrambi i coniugi con il sesso (per qualsiasi ragione), perché stabiliscono regole di base che promuovono comunicazione, uguaglianza, gentilezza e consapevolezza. Secondo la Prause, non c’è una tempistica giusta o sbagliata per attraversare queste fasi: “in base alla rapidità con cui la coppia si muove attraverso i vari stadi, potrebbero non esserci rapporti sessuali per molti mesi”.

E allora pensate al periodo di astinenza come a un’opportunità per riscoprirvi a vicenda, e una volta che si arriva al rapporto la Prause suggerisce che potrebbe essere meglio di prima: “Uno degli obiettivi dell’esercizi è aiutare a ridurre le richieste quando quando la coppia ricomincia a fare sesso. Si spera che i coniugi ricorderanno il periodo in cui si sono sentiti molto vicini e intimi quando non facevano sesso, e che quel periodo di astinenza li aiuti a capire che per avere un rapporto forte il sesso non deve verificarsi nello stesso modo in un momento particolare”.

Assumete una prospettiva nuova

La possibilità di ricominciare non dovrebbe essere sottovalutata. Se il sesso è una parte importante del sacramento matrimoniale che andrebbe presa sul serio, quell’intimità dovrebbe anche essere piacevole. Non importa da quanto siete sposati, potete viverlo come quando eravate in luna di miele… basta un piccolo sforzo. Adam Busch, che gestisce una newsletter per appuntamenti a Sacramento (California), crede che un periodo di astinenza sessuale possa essere un’opportunità per riportare un po’ dell’entusiasmo dei primi giorni insieme.

“Prendersi delle pause può far bene alla coppia, perché è un altro passo nella rottura della routine”, sostiene. “Uno degli elementi che uccidono una relazione è la routine. Quando il sesso diventa routine, perde la lucentezza che aveva in origine. A volte una pausa dal sesso può essere utile a ripristinare il desiderio, ma solo se il motivo della pausa viene comunicato in modo corretto”.

E allora in che modo l’astinenza del sesso può ravvivare un senso di novità nel matrimonio? Busch cita un’osservazione della psicoterapeuta e oratrice Esther Perel.

La Perel “sottolinea che i rapporti a lungo termine e i matrimoni idealizzano due concetti diversi: la sicurezza e il desiderio”. “I rapporti a lungo termine richiedono sicurezza: una persona confortante, che è sempre lì – le cose che ci consolano”. Fondamentalmente tutto ciò che vi rendono un team genitoriale che funziona.

“L’altra parte, il desiderio, deriva spesso da un senso di incertezza, di mistero e avventura. Queste caratteristiche sono in diretto conflitto con il fatto di crescere una famiglia e vivere una relazione a lungo termine”. Per questo, ogni tanto bisogna smettere di vedere il coniuge come genitore e collaboratore per guardarlo di nuovo come una persona romantica ed entusiasmante. Il periodo di astinenza potrebbe allora creare un senso di novità.

Ricordate che il vostro matrimonio è unico

Se la nostra cultura pone forse troppa enfasi sul sesso, Denner nota che è importante per le coppie ricordare che non devono seguire tutto ciò che detta la società, dovendo invece valutare ciò che le rende felici e realizzate.

“Ciò che è realistico per una coppia sposata dipenderà da vari fattori, come l’età, la salute e il desiderio”, afferma. “Consiglio alle coppie di fare ciò che è realistico per loro e di non preoccuparsi di quello che è ‘normale’ per gli altri”. La vostra “normalità” può essere molto diversa da quella di un’altra coppia – e questo non va necessariamente a vostro detrimento.

Come per la maggior parte delle cose nel vostro matrimonio, dovete parlare con il vostro coniuge e affrontare insieme le sfide, siano esse fisiche, emotive o una combinazione dei due fattori.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni