Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce
Spiritualità

Accettare la debolezza va bene, ma amarla?

Pexels

padre Carlos Padilla - pubblicato il 23/10/18

Sono parte di quella Chiesa ferita che ferisce... misericordia!

Voglio tutelare l’innocenza di chi mi è stato affidato. Custodirla tra le mie mani. Un tesoro immenso che non merito.

Voglio rispettarla come la cosa più sacra. L’innocenza che devo salvaguardare per offrirla a Dio ogni mattina. Curare la fiducia che mi viene donata senza che la meriti. È di Dio.

Quanto fa male la verità che tocco, intrisa di abusi… La sordida verità che mi riempie di tristezza. La verità della fiducia tante volte spezzata. Il peccato che ferisce l’anima del bambino innocente. E non posso fare altro che chiedere perdono in ginocchio.

“La tua misericordia, Signore, scenda su di noi”. È della misericordia che ho bisogno.

Non taccio. Vorrei evitare di dire qualcosa, perché forse nessuna parola è in grado di placare la rabbia o di recuperare il tempo. Non riesce a far tornare indietro le lancette dell’orologio, a prima del crimine.

Non resta che raccogliere i cocci. Inginocchiarmi in silenzio. E parlare riconoscendo le colpe. E assumere di nuovo che sono parte di quella Chiesa ferita che ferisce. Quel corpo di Gesù in cui c’è peccato, perché l’uomo pecca. E io faccio parte di quel corpo che soffre e pecca.

Il dolore di mio fratello mi fa male dentro. Il dolore dell’innocente. Soffro. Vorrei che non fosse successo. Vorrei aver fatto tutto meglio. È dura constatare la miseria in modo palpabile e andare avanti.

È successo qualcosa. È grave. Lo prendo tra le mani. La verità che mi fa male nell’anima. Guardo di nuovo gli occhi di Maria. Quelli di Gesù ferito sulla croce dai miei peccati, dai miei errori, dai miei silenzi.

Non l’ho difeso sulla croce quando potevo. Non mi sono fermato davanti al ferito. Ho bisogno di sentire la misericordia in modo tangibile.

Non so cambiare il passato, ma posso costruire il presente e il futuro. Questo posso farlo. Dio me lo permette. Me lo chiede. Non perdo la speranza.

Il peccato dell’uomo non mi stupisce, e neanche il mio. Ma mi fa tanto male dentro… Voglio accettare la debolezza propria e altrui.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
amaredebolezza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni