Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come influisce l’aborto sui padri? 4 uomini condividono la propria esperienza

SAD COUPLE
Shutterstock
Condividi

La loro prospettiva può aiutare altre coppie a sostenersi nel loro dolore condiviso

Ogni volta che si parla di aborto ci si concentra sulla madre. Era più vicina al bambino di chiunque altro, e quello che ha passato è stato spesso traumatico. Allo stesso tempo, non si possono e non si devono dimenticare i padri. Anche loro hanno perso un figlio, e hanno tutto il diritto di soffrire.

I padri con cui ho parlato erano riluttanti ad attirare troppo l’attenzione su se stessi. Continuavano a rimandarmi alle mogli, dicendo “Mia moglie l’ha vissuta molto peggio”. La sofferenza, però, non è una di quelle cose che si devono mai paragonare, e quando si parla di un dolore così personale c’è spazio per la voce di chiunque.

Ecco le esperienze di quattro padri con cui ho parlato – Jeremy, Stephen, Josh e Chris. Spero che il loro punto di vista possa aiutare altre coppie a camminare insieme nel loro dolore condiviso.

Leggi anche: 9 film che mi hanno aiutato a risvegliare il mio istinto paterno

L’impotenza di un padre

“Mia moglie ed io abbiamo perso un figlio due anni fa”, mi ha detto Jeremy. “Mi sono sentito impotente. Ho il compito di proteggere mia moglie e non c’era assolutamente niente che potessi fare”.

Stephen ricorda il giorno “in cui mia moglie ha agonizzato per tutto il tempo in bagno mentre io aspettavo fuori”. Per lui la paura non è una realtà estranea: “Ero nell’Esercito e mi è stato insegnato a gestire paura, panico, ogni emozione che possa offuscare la mente”. Questo, però, non ha reso quel giorno meno lacerante: “Sapevo che stava soffrendo e non potevo fare niente per aiutarla”.

“La cosa più difficile al mondo”, ha affermato Josh, “è vedere il cuore di tua moglie che si spezza e non poter far nulla”.

Chiunque abbia perso un figlio prova un senso soffocante di impotenza. Si vorrebbe avere il controllo della situazione ma è impossibile. Un padre sente quell’impotenza in modo unico, per via dell’amore che nutre non solo per il figlio, ma anche per la moglie.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.