Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Esistono “segreti” cristiani riservati a un’élite di iniziati?

Condividi

L’esoterismo è contrario alla natura del cristianesimo

René Guénon e la frode della teosofia

L’esoterista franco-egiziano René Guénon è stato un grande intellettuale dell’occultismo moderno, rispettato non solo per la sua erudizione, ma anche per l’onestà accademica che lo contraddistingueva. Ha smascherato centinaia di società segrete fraudolente che avevano abbindolato i loro iniziati europei.

Guénon ha denunciato e distrutto a livello intellettuale la frode praticata da una donna lodata dall’occultismo: Madame Blavatsky con la sua Società Teosofica [5]. La gente, però, ha la memoria corta, che lavora a favore degli pseudoprofeti e delle loro frodi, com’è accaduto con lo spiritismo moderno.

Di fronte a delusioni e fantasie, René Guénon ha abbandonato l’esoterismo occidentale, finendo per convincersi che solo le religioni orientali contenevano consocenze realmente esoteriche e una tradizione esoterica autentica.

Una delle espressioni della crisi culturale attuale è la rinascita dello gnosticismo e dell’esoterismo, manifestata nel successo di ogni tipo di letteratura collegata a questi tempi: magia, vangeli apocrifi, autoaiuto, alchimia, ermetismo… Se la vera storia dell’esoterismo fosse più nota, le sue illusioni magiche scomparirebbero molto rapidamente.

E quelli che si definiscono “esoteristi cristiani”?

Molti esoteristi moderni parlano apertamente dell’“esoterismo cristiano”, ma è semplicemente la loro reinterpretazione del cristianesimo, come di certe antiche correnti filosofiche o religioni orientali, di cui si appropriano in base ai gusti personali.

Il fatto è che il cristianesimo non è mai stato esoterico, e la sua natura fortemente missionaria ne fa una religione aperta, il cui messaggio è per tutti, non per un’élite che cerca coincidenze simboliche o mondi invisibili.

Nessuno può negare che nel corso della storia ci siano state persone che hanno vissuto il cristianesimo a livello sociale ma che hanno praticato l’esoterismo, e questo è vero ancora oggi. Nel Medioevo, anche tra le persone ufficialmente cristiane, ebree o musulmane le correnti di pensiero gnostiche e magiche prosperavano.

Al giorno d’oggi, analizzando l’esoterismo “per le masse”, dobbiamo chiederci se il cristianesimo non avrà trascurato la propria misura di misticismo e mistero. Forse è stato troppo indulgente nel suo adattamento razionalista alla modernità, e di conseguenza le persone assetate di senso e di esperienza si sono volte all’irrazionalismo, alla magia e all’occulto.

[1] ELIADE, Mircea (1976). Occultism, Witchcraft and Cultural Fashions. New York: The Crossroad Publishing Company.
[2] GUERRA GÓMEZ, Manuel. (2005). Diccionario enciclopédico de las sectas. Madrid: BAC.
[3] FAIVRE, A. – NEEDLEMAN, J. (1995). Modern Esoteric Spirituality. New York: The Crossroad Publishing Company. p. 10 [Spanish edition]
[4] See ELIADE, Mircea (1969). The Quest: History and Meaning in Religion. London: University of Chicago Press. Pages 59-60 [Spanish edition].
[5] GUENÓN, René (2003). Theosophy: History of a Pseudo-Religion. New York: Sophia Perennis Haz.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni