Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Febbraio |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Silvana Giacobini rivela: sono devota alla Madonna grazie a mia madre e a Laura Biagiotti

SILVANA GIACOBINI AND LAURA BIAGIOTTI

Laura Biagiotti Twitter @LBofficialpage | Silvana Giacobini - instagram

Silvia Lucchetti - pubblicato il 17/10/18

Due donne del glamour amiche per la pelle e devote a Maria. Insieme andavano a pregare davanti l'icona della Madonna del Pozzo a Roma

La giornalista Silvana Giacobini ha raccontato al settimanale Maria con te la sua devozione alla Madonna condivisa con l’amicaLaura Biagiotti salita al cielo lo scorso anno. La regina della cronaca rosa e quella del Cashmere amiche storiche unite dalla fede. “La fede è un dono, anche se va coltivata. Io mi sento quasi una privilegiata e credo che anche per Laura fosse lo stesso” (Maria con te).

WEB3-Laura Biagiotti-ITALIAN-DESIGNER-Twitter @LBofficialpage
Twitter @LBofficialpage
Laura Biagiotti

Laura mi è rimasta nel cuore come una sorella

“Mi è mancata moltissimo in quest’anno dalla sua scomparsa. Quando perdi una persona comprendi fino infondo quanto fosse importante la sua presenza: vedendola o sentendola spesso al telefono, invece, tendi a darla per scontata. Laura mi è rimasta nel cuore come una sorella e sua figlia Lavinia, che è vissuta in simbiosi con la madre, ha imparato tanto da lei e si è rivelata una grande imprenditrice, mi è cara come un’altra figlia. L’ammiro molto” (Ibidem)

Andavamo a messa insieme

Silvana a Milano, Laura a Roma. Un’amicizia a distanza tenuta viva dall’affetto e dalla condivisione della fede. E quando la giornalista si trovava per qualche giorno nella capitale c’era un appuntamento speciale a cui non mancava di partecipare: la santa messa insieme alla sua amica. Una grazia poter vivere la fede in due, senza imbarazzi e reticenze!

“C’è da premettere che condividevamo lo spirito religioso, per entrambe la dimensione della fede era importante e per questo frequentavamo insieme alcune chiese. Purtroppo non potevamo farlo così spesso come avremmo voluto: lei viveva vicino Roma, a Guidonia (…) io invece a Milano. Ma ogni volta che mi fermavo qualche giorno nella capitale per lavoro andavamo insieme a Messa. (…) entrambe una volta arrivate in chiesa, ci raccoglievamo in preghiera intimamente nel modo più semplice e spontaneo possibile. Io non mi sono mai comportata in chiesa in maniera diversa a seconda che fossi da sola o con qualcuno, mi sono sempre e solo concentrata nell’incontro con Dio. E per Laura era la stessa cosa, la fede autentica è qualcosa di intimo e di spontaneo. E’ fatta di gesti, di slanci, non di parole” (Ibidem)
View this post on Instagram

A post shared by Silvana Giacobini (@giacobinisilvana)




Leggi anche:
Laura Biagiotti: grazie della tua vita e della tua morte

Nella carezza di Maria ritrovo mia mamma che non c’è più

La giornalista ha parlato del suo legame con la Vergine Maria nato da bambina grazie agli insegnamenti della madre. “Porto sempre con nome una medaglietta della Madonna Miracolosa” e la sua casa a Milano è arricchita da “una piccola collezione di effigi mariane alle quali sono molto affezionata, piccole statue e quadri. Ma per me la Madonna è ovunque, è sempre lei in qualunque sembianza sia raffigurata”. Silvana oggi sente ancora vicina sua mamma proprio grazie alla protezione di Maria:

“(…) Chi come me ha perso una mamma che amava, sa che ha sempre una Madre nel cielo e che nella sua carezza può ritrovare anche quella della madre perduta. La mia mamma, tra l’altro, mi ha insegnato a mettere sempre nelle mie preghiere la Madonna, quando ero bambina, e da allora non c’è giorno o notte in cui, pregando, non mi rivolga alla Vergine, con semplicità, in modo diretto” (Maria con te)

Quando incontrai papa Wojtyla ebbi come una visione…

Silvana Giacobini nella stessa intervista ha raccontato il giorno in cui conobbe Giovanni Paolo II: un incontro indimenticabile, pieno di tenerezza, misericordia. E poi, le accadde qualcosa di particolare mentre guardava “gli occhi di un santo”:

“(…) era il principio degli anni Duemila e, nel descrivere il mio impatto con lui, titolai l’editoriale “Gli occhi di un santo”. Mi vengono i brividi a pensare che 4 anni fa è stato proclamato davvero santo. Ci trovavamo a Castelgandolfo e Wojtyla, avvicinandosi all’altare per celebrare la Messa, depose con risolutezza il bastone, nonostante le sue condizioni di salute fossero già molto precarie. Quando mi avvicinai a lui ebbe un atteggiamento di grande tenerezza, mi trattò come se avesse davanti una bambina, accarezzandomi la testa o il volto, e tenendomi sempre l’altra mano sulla spalla. Le sue parole erano confuse per la malattia eppure risuonavano in me molto chiare e, a un tratto, guardandogli gli occhi, ebbi come una sorta di visione, mi ritrovai davanti a un corso d’acqua bellissimo e tutt’intorno dei pino molto alti…” (Ibidem)
SILVANA GIACOBINI
Youtube I Riccardo Sepe Visconti

Ho incontrato il Santo Padre e per l’emozione ho fatto anche una gaffe

La scrittrice ha avuto l’onore di incontrare anche il Pontefice e la gioia di ricevere in dono un rosario “Lui ha gli occhi del guerriero della fede, pronto anche a morire per la verità e per amore del Signore”. Poi racconta la piccola gaffe fatta per colpa dell’emozione “Preghi per me” E io d’istinto ho replicato: “Ma preghi lei per me che ne ho bisogno!” (Maria con te).




Leggi anche:
Elisabetta Gregoraci: ecco perchè sono così devota alla Madonna dello Scoglio e a Medjugorje

Grazie a Laura ho conosciuto la Madonna del Pozzo

La giornalista svela ancora un particolare della sua amicizia con Laura Biagiotti. Le due frequentavano spesso la chiesa di Santa Maria in Via, la piccola Lourdes romana, un luogo speciale dove si venera un’icona prodigiosa: la Madonna del Pozzo. Nel 2010 la loro prima visita insieme e nel 2016 l’ultima. Immagino le due amiche sottobraccio attraversare la strada, capelli lunghi e volto sorridente, varcare l’ingresso della chiesa, pregare, restare in silenzio davanti l’immagine della Vergine affidandole tutto e poi bere con devozione l’acqua del pozzo.

“Una volta, attorno al 2010, mi portò lì e mi fece conoscere la Madonna del Pozzo, quest’icona meravigliosa che ha una storia affascinante, che poi io approfondii. Tutto accadde nella notte tra il 26 e il 27 settembre 1256 e in una stalla adiacente alla casa del cardinale Capocci: dal pozzo cominciò a fuoriuscire inspiegabilmente l’acqua, il cui livello era aumentato a dismisura, fin quando a un certo punto non emerse quell’immagine della Vergine dipinta su una sorta di tegola. Il flusso dell’acqua si placò e il cardinale, svegliatosi per lo strepito, recuperò l’immagine e poi chiese e ottenne dal Papa che in quel punto si edificasse una cappella. E quel miracolo si ripete ancora oggi, perché va tanta gente a bere nei bicchierini di carta l’acqua di quello stesso pozzo, assetata di fede. Si verificano tante grazie, papa Benedetto XVI chiamò per questo Santa Maria in Via la piccola Lourdes di Roma. Laura e io siamo tornate più volte lì, l’ultima nel 2016” (Ibidem).
Madonna del Pozzo 1
Wikimedia Commons

Chissà con quale affetto la giornalista ricorda quelle giornate, quei momenti di raccoglimento e comunione. Che bello: non esiste amicizia più grande di quella fondata in Cristo! Leggendo l’intervista mi viene in mente la comunione degli amici di cui ha parlato spesso Costanza Miriano:

“Abbiamo bisogno degli amici, nel cammino verso il cielo. Gli amici di carne ed ossa, che ci facciano compagnia nella battaglia quotidiana”.


ROBERTA MORISE

Leggi anche:
Roberta Morise e la devozione a Maria: è stata la Vergine a condurmi da Lei

Tags:
amiciziadevozione marianafede
Top 10
See More