Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Miguel Bosé si separa. Due figli restano con lui e due con l’ex compagno

MIGUEL BOSE
Condividi

I figli, nati tramite maternità surrogata, vivono un altro dramma oltre quello della separazione dalla madre: crescere lontani dai fratelli

La storia tra Miguel Bosé e lo scultore valenciano Nacho Palau è finita, raccontano i media spagnoli. La notizia è stata lanciata da El Mundo con il titolo: «Miguel Bosé e Nacho Palau si spartiscono i figli» (Io donna) e ha generato immediatamente grandi dissensi. E spartire non è utilizzato a caso perché la coppia ha deciso di separare i quattro figli avuti tramite utero in affitto: i gemelli Diego e Tadeo di 7 anni sono andati a vivere in Messico con il cantante mentre i gemelli Ivo e Telmo di 5, sembra formalmente adottati dallo scultore (Ibidem), sono rimasti con lui a Valencia.

Ma i figli si possono dividere come si fa con le case? le macchine? i libri?

Leggo sul vocabolario on line della Treccani alla voce “spartire”: spartire il bottino, il guadagno, spartire il patrimonio tra i figli… non i figli stessi!

«La decisione è stata difficile, ma non si poteva fare altro che dividere i bambini. Oggi i fratellini sentono molto la mancanza gli uni degli altri, ma i loro papà suppliscono a questa carenza con lunghe sessioni via Skype» (Ibidem).

Ma nessuna tecnologia può sostituire la vita insieme, i giochi, le corse, i cartoni, i litigi.
Chissà quanto dolore proveranno questi bambini! Dopo aver subito forzatamente la separazione dalla loro madre (vuoto impossibile da colmare) un altro trauma: crescere lontani dai fratelli.
Per un genitore è inimmaginabile rinunciare al rapporto con uno dei figli e soprattutto dividere un fratello dall’altro. Questa decisione sembra essere dettata dall’egoismo, la stessa che ha fatto scegliere al cantante la maternità surrogata.

La prima maternità surrogata: Diego e Tadeo

Nel 2011, Miguel Bosé aveva annunciato al mondo su Facebook la nascita di Diego e Tadeo tramite una maternità surrogata portata avanti negli Stati Uniti:

«Siamo già a casa e in buona salute, sono l’uomo più felice sulla terra»(Io donna)

La seconda: Ivo e Telmo

E due anni dopo aveva dichiarato alla rivista spagnola Shangay:

«Sono un padre single. Non ho due figli come credevate, ma ne ho quattro. Sette mesi dopo la nascita di Diego e Teo, sono nati Ivo e Telmo, finora non la sapeva nessuno»(Ibidem)

È stato il mio amico Ricky Martin a suggerirmi una madre “in affitto”

«I bambini crescono tutti insieme nella villa di Madrid, lontano da occhi indiscreti. Quando ho sentito il desiderio di diventare padre, avevo già superato i 50 anni e quindi l’adozione mi era già preclusa in tutto il mondo. È stato il mio amico Ricky Martin, padrino di Tadeo, a suggerirmi una madre “in affitto”» (Io donna)

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.