Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconChiesa
line break icon

Perché i Francescani indossano un saio marrone?

FRANCISCAN FRIARS

Hans Splinter | CC BY-ND 2.0

J.P. Mauro - pubblicato il 16/10/18

Ecco le origini di questo abito

In base al diritto canonico, i tanti ordini religiosi della Chiesa cattolica indossano ciascuno un abito diverso in base ai costumi e alle leggi del loro istituto. A volte può essere difficile tenere il registro di tutti loro, ma gli abiti religiosi più facilmente riconoscibili possono essere i sai marroni indossati dai frati francescani, in genere legati con un cordone con tre nodi e corredati da sandali. Si può riconoscere un saio francescano a cento metri di distanza, ma come ha fatto il marrone a diventare il colore distintivo dell’ordine?

Vivere semplicemente

I frati francescani vivono in solidarietà con i poveri, facendo voto di povertà e sussistendo con pochi beni. La Regola di San Francesco non prescrive alcun colore particolare per l’ordine, ma invita i membri a indossare abiti umili e poveri. I Francescani si dedicano ai poveri mettendosi al loro livello, e non aiuterebbe la loro missione indossare abiti eleganti mentre servono i diseredati.

Il marrone della terra riflette il corpo terreno

Ogni ordine che fa voto di povertà lo fa per dimostrare che i possedimenti non sono ciò che ci definisce e per seguire le parole di Cristo in Matteo 19, 21:

“Gli disse Gesù: ‘Se vuoi essere perfetto, va’, vendi quello che possiedi, dallo ai poveri e avrai un tesoro nel cielo; poi vieni e seguimi’”.

OFM.org cita un biografo che menziona l’ammirazione di San Francesco per le allodole e suggerisce che il marrone rifletta la vita terrena e le opere dell’ordine per alleviare la sofferenza su questa Terra:

“Il loro piumaggio è terreno. Dà alle religiose e ai religiosi l’esempio del fatto che non dovrebbero indossare abiti belli ed eleganti, ma piuttosto colori monotoni, come quello della terra”.

All’inizio, il marrone era tutto quello che avevano

San Francesco ha avviato il suo ordine circa 809 anni fa, nel 1209. All’epoca gli abiti dei fratelli erano forniti dai contadini, che spesso non erano molto più ricchi dei Francescani. Il colore indossato più comunemente dai contadini medievali era costituito da sfumature del grigio e del marrone, in base al tipo di lana che veniva usato. Gli abiti non tinti erano i più economici che si potessero trovare. Il saio indossato da San Francesco conservato nella basilica di Santa Maria degli Angeli è grigio. I Francescani, i cui abiti dovevano essere funzionali e duraturi, non si curavano del colore, ma man mano che la loro influenza aumentò il marrone divenne semplicemente “il loro colore”.

Il colore aveva anche un altro obiettivo. All’inizio i frati vivevano nella colonia di lebbrosi di Rivo Torto, vicino Assisi, e trascorrevano molto tempo scalando le montagne dell’Umbria per andare a dare sollievo ai bisognosi. Spesso dormivano in luoghi sporchi, e il marrone li aiutava a sembrare relativamente puliti.

I Frati Francescani del Rinnovamento, una branca più recente dei seguaci di Francesco, sono noti per i loro sai grigi.

Il cingolo

Un altro elemento distintivo dell’abbigliamento francescano è il cingolo, un lungo cordone con tre nodi indossato intorno alla vita. I nodi rappresentano la Povertà, la Castità e l’Obbedienza, le tre basi dell’Ordine francescano.

Il cappuccio

Se la maggior parte dei sai francescani ha attaccato il cappuccio, una branca si distingue per i suoi cappucci particolarmente lunghi. I Francescani Cappuccini prendono il nome proprio da questo elemento, e hanno dato a loro volta il nome alla scimmia cappuccina (che sembra indossare un cappuccio) e al cappuccino, che richiama il colore del saio francescano.

Tags:
frati francescani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
Lucandrea Massaro
Blasfemia a Sanremo: “Perché mi percuoti?”
3
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
4
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
7
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni