Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 23 Giugno |
San Giuseppe Cafasso
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: sant’Óscar Romero ricorda che ogni cattolico deve essere martire, testimone

CANONIZATION

Antoine Mekary | ALETEIA

Vatican News - pubblicato il 15/10/18

Così Papa Francesco che stamani ha ricevuto in Aula Paolo VI circa 5mila pellegrini giunti da El Salvador per la canonizzazione, ieri, dell’arcivescovo di San Salvador

Il messaggio di sant’Óscar Romero è rivolto a tutti “senza eccezioni”: lui ripeteva con forza che “ogni cattolico deve essere martire, perché martire vuol dire testimone” del messaggio di Dio agli uomini. Lo sottolinea Papa Francesco che questa mattina ha ricevuto in udienza circa 5mila pellegrini provenienti da El Salvador. E’ palpabile la loro gioia per la canonizzazione di mons. Romero, l’arcivescovo di San Salvador, difensore dei poveri, ucciso in odium fidei, il 24 marzo del 1980, mentre celebrava la Messa. La sua memoria è  anche “un’occasione eccezionale per inviare un messaggio di pace e riconciliazione a tutti i popoli dell’America Latina”, dice il Papa nel discorso in spagnolo.

Annunciare a tutti il suo messaggio di libertà

Dio “ci chiama ad annunciare il suo messaggio di libertà a tutta l’umanità, ricorda ancora il Pontefice. Solo in Lui, infatti, possiamo essere liberi dal peccato, dall’odio nei nostri cuori – e mons. Romero fu “vittima dell’odio” –  liberi totalmente da amare. Si tratta di una vera libertà “già sulla terra”, che “passa per la preoccupazione per l’uomo concreto”, per risvegliare in ogni cuore “la speranza della salvezza”.

Esempio e stimolo

Sant’Óscar Romero ha incarnato l’immagine del Buon Pastore che offre la vita per le sue pecore, dice Francesco. E’, dunque, “un esempio e uno stimolo” per i vescovi di El Salvador: “esempio di predilezione per i più bisognosi della misericordia di Dio”, e stimolo per testimoniare l’amore di Cristo e la sollecitudine per la Chiesa, sapendo coordinare l’azione di ciascuno dei suoi membri e collaborando con le altre Chiesa particolari con zelante affetto collegiale. E l’auspicio del Papa è che questo sia di aiuto a essere per tutti segno di questa unità nella pluralità, che caratterizza il santo popolo di Dio.

La denuncia dei mali del mondo

Il Papa esorta, poi, sacerdoti e religiosi presenti a essere “servitori del popolo sacerdotale” e a lavorare instancabilmente “per incanalare l’infinito desiderio di Dio di perdonare coloro che si pentono della loro miseria e per aprire il cuore dei vostri fratelli e sorelle alla tenerezza dell’amore di Dio, anche attraverso la denuncia profetica dei mali del mondo”. Sant’Óscar Romero vedeva, infatti, il sacerdote posto in mezzo a due grandi abissi: quello dell’infinita misericordia di Dio e quello dell’infinita miseria degli uomini. E proprio a sacerdoti e vescovi Francesco chiede con forza di prendersi cura del “santo popolo fedele di Dio”, di non scandalizzarlo.

El Salvador, segnato dalla violenza nella storia recente, va avanti

Per tutto questo, c’è bisogno di essere in comunione con la Chiesa, tant’è vero che mons. Romero si riferiva alla cresima come al “sacramento dei martiri”. Papa Francesco si rivolge, infine, con amore e premura agli abitanti di El Salvador, che esprimono la loro fede viva in diverse forme di religiosità popolare. Ricorda anche che nel Paese centramericano non è mancato il flagello della divisione e della guerra, una violenza che si è fatta sentire con forza nella storia recente, ma questo popolo resiste e va avanti. E che non pochi  salvadoregni hanno dovuto abbandonare la propria terra in cerca di un futuro migliore. Per questo, il Papa chiede a Maria di prendersi cura, con tenerezza, degli abitanti di El Salvador.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
papa francescosan oscar romero
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
3
Giovanni Marcotullio
«I rapporti prematrimoniali?» «Un vero peccato!» «Ma “mortale”?» ...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Gelsomino Del Guercio
San Giuseppe sparisce dai Vangeli. Don Fabio Rosini ci svela il &...
7
COUPLE GETTING MARRIED
Gelsomino Del Guercio
Il matrimonio si celebra in casa. La svolta della diocesi di Livo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni