Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Se avessi abortito sarei morta piano piano anch’io…

MOM AND DAUGTHER
Condividi

La testimonianza di una donna che stava per disperarsi e arrendersi all'aborto come unica soluzione. Finché non ha incontrato qualcuno che l'ha aiutata e ora la sua bambina compie un anno

Riportiamo qui una testimonianza breve ma intensa di una donna che si è recata ad un consultorio per poter abortire ma alla fine non lo ha fatto anche grazie all’aiuto dell’associazione di difesa per la vita Ora et Labora, che si prodiga affinché tantissime donne in preda alla disperazione non aggiungano l’ulteriore sofferenza della perdita di un figlio unico e irripetibile. Una creatura innocente che chiede di essere accolta e amata.

Come avrei potuto guardarmi allo specchio tutte le mattine, sapendo che contro la mia volontà stavo facendo la cosa più terribile della mia vita. La mattina dopo ero pronta per recarmi in un consultorio per chiedere di preparare le pratiche per l’aborto, quando mi arrivò una chiamata da parte di una mia amica dicendomi che probabilmente aveva trovato una soluzione.

Ero stanca, avevo paura di illudermi di nuovo che tutto si sarebbe sistemato, ma non potevo non ascoltarla.  Si trattava dell’associazione Ora et Labora in Difesa della Vita che vive per aiutare le donne che, come me, non vedono nessuna via d’uscita, che aiuta le donne a non commettere l’errore più grosso della loro vita.

Non potevo crederci, avevo trovato delle persone che mi avrebbero aiutato, delle persone che credevano nella vita come me, delle persone che capivano quanto avrei sofferto commettendo il gesto più ignobile che si possa commettere: uccidere la creatura che portavo in grembo; mia figlia!

Non é stato un percorso facile ma ad oggi dico che ne è valsa la pena.
Dico a tutte quelle donne che per un motivo o per un altro si trovano a decidere di abortire di pensarci bene perché non ucciderete solo ciò che amerete di più in assoluto per il resto della vostra vita ma ucciderete anche voi stesse!

Ora il bambino sta per festeggiare il suo primo compleanno e ci uniamo tutti quanti nel fargli gli auguri! Sotto potete vedere le foto di questo splendido bambino.

Tratto da una testimonianza gentilmente fornitaci da Giorgio Celsi

QUI IL LINK ALL’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni