Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 04 Agosto |
San Giovanni-Maria Vianney
home iconFor Her
line break icon

4 modi per facilitare l’allattamento

Shutterstock

Il Parto Positivo - pubblicato il 15/10/18

Per prima cosa goditi la gravidanza e il parto, un parto disturbato può disturbare l'allattamento

C’è chi ancora vede il latte materno e il latte in polvere sullo stesso piano. Ora, a rischio di fare arrabbiare qualche lettore, diciamolo: questa è una grandissima castronata.

Innumerevoli autorevoli studi hanno dimostrato la superiorità del latte materno sul latte in polvere.

E scusate, chi si sorprende? Una è la cosa vera, l’altra è il surrogato.

Vi tagliereste apposta le gambe per andare in giro con delle protesi? Non credo.

Questo vuol dire che non rispettate quelli (pochi) che hanno bisogno delle protesi?

O che non siete grate per conto del genere umano agli ingegneri che hanno inventato quei fantastici marchingegni?

Il latte in polvere è una meravigliosa, utilissima protesi. È bellissimo sapere che nel caso (solitamente improbabile) in cui ce ne sia bisogno, il surrogato del latte materno sia disponibile per tutti i bambini, e ad un prezzo ragionevole. Ma per quasi tutte noi in realtà non ci sarà bisogno. Quasi tutte potranno offrire al loro bambino quello che il bambino è nato per ricevere: il latte di sua madre.

Shutterstock




Leggi anche:
Lettera alle donne che allattano

Le cose da fare per facilitare l’allattamento sono quattro e sono piacevoli:

1. Godersi la gravidanza.

Abbiamo nove mesi per imparare a rallentare e ad ascoltare il nostro corpo. Dopo decenni in cui abbiamo dovuto alzarci quando volevamo dormire, prestare attenzione quando volevano fantasticare, rimanere sedute quando volevano correre, è finalmente giunto il momento di concederci il lusso di seguire il ritmo del nostro corpo. Abbiamo la scusa perfetta (perché noi donne abbiamo spesso bisogno di una scusa, a quanto pare): lo facciamo per il nostro bambino.

Non vuol dire (solo) stravaccarsi sul divano appena rientriamo dal lavoro e non muoverci più. Ci saranno momenti per passeggiare e nuotare, per respirare a pieni polmoni, per danzare assieme al nostro bambino.

L’importante è fare tutto questo quando ne abbiamo voglia, quando il corpo ci dice che è ora di farlo. Ovviamente tutto questo va inteso nei limiti del possibile (per motivi diversi sia durante la prima gravidanza che durante le successive. Ne riparleremo)… Diciamo che l’ascoltarsi sale nella hit parade delle priorità.

Questo ci permetterà non solo di avere un corpo il più possibile riposato, rilassato e forte, ma avremo anche imparato ad ascoltare i suoi segnali. Ci sarà molto utile quando sarà ora di armonizzare i nostri bisogni con quelli del nostro piccolo.

2. Godersi il parto.

Il parto non è una passeggiata. È più simile a una scalata del Monte Bianco. Ed è programmato in natura per essere un’esperienza meravigliosa. Godiamoci il silenzio, godiamoci il respiro, godiamoci le pause e godiamoci gli sforzi, godiamoci i compagni di strada, godiamoci il ruolo di co-protagoniste (noi e il nostro bambino), godiamoci il brivido, godiamoci la delicatezza e la forza, godiamoci la magia. Ubriachiamoci di endorfine e di ossitocina. Gli stessi ormoni che regolano il concepimento del bambino ne regolano la nascita e il nutrimento. Un parto disturbato disturba l’allattamento e fare in modo che sia un buon parto non è solo più piacevole per noi, è anche molto utile da un punto di vista pratico.




Leggi anche:
Tutto quello che vorreste chiedere al vostro pediatra sull’allattamento al seno

3. Condividere con il proprio partner.

Il singolo fattore capace di predire al meglio il successo nell’allattamento è il supporto del partner. In tema di allattamento è particolarmente facile aiutarlo ad aiutarci: studi, numeri e statistiche non mancano. Diciamogli che i bambini allattati, in media:

  • 1
  • 2
Tags:
allattamentogravidanzamaternità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
4
MAN, ALZEHIMER, WOMAN
ACI Digital
Cosa accade all’anima di una persona che ha l’Alzheim...
5
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
6
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
7
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni