Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La piscina biblica di Betzaetà, mito o realtà?

POOL OF BETHESDA
Condividi

Per secoli l'esistenza di una piscina con cinque portici a Gerusalemme è stata ritenuta fittizia, ma un archeologo tedesco ha provato che è un luogo reale

Uno dei miracoli più famosi riferiti nel Vangelo di Giovanni (5, 2-9) racconta come Gesù abbia guarito un paralitico che sedeva presso una “piscina” con “cinque portici” e veniva chiamata con il nome ebraico di “Betzaetà”, che si traduce “casa della misericordia” o “casa di grazia”.

Gli storici hanno cercato di localizzare la piscina per secoli. Tra i “candidati” di maggior spicco c’erano la Birket Israel (Piscina di Israele), situata vicino all’imbocco della valle del Cedron, a est della Città Vecchia di Gerusalemme, e quella che oggi viene chiamata Fontana della Vergine, nella valle del Cedron, non lontano dalla Piscina di Siloe. Nessuna di loro, però, si adattava bene alla descrizione giovannea dei “cinque portici”, e quindi per molto tempo si è pensato che quella piscina fosse fittizia piuttosto che un luogo storico reale.

RUINS,BETHESDA POOL
Public Domain
The Pool of Bethesda, di Robert Bateman (1877). Per secoli, si è creduto che la Piscina di Betzaetà fosse un luogo fittizio.

Nel XIX secolo, tuttavia, l’archeologo tedesco Conrad Schick scoprì un’ampia cisterna situata a una trentina di metri a nord-ovest della chiesa di Sant’Anna, all’inizio della Via Dolorosa nel quartiere musulmano della Città Vecchia di Gerusalemme. Schick era specializzato in sistemi idrici nell’antica Gerusalemme, e scoprì presto che la cisterna si adattava alla descrizione dei “cinque portici” del Vangelo di Giovanni. Era infatti costituita da due bacini separati da un muro, che in tutto facevano quindi cinque “mura”.

Dopo accurati studi archeologici, la funzione dei due bacini separati ha iniziato a evidenziarsi. Quello meridionale, con una serie di ampi gradini, serviva come mikveh (un bagno usato per le immersioni rituali nell’ebraismo), mentre quello settentrionale, più ampio, fungeva da riserva per reintegrare continuamente l’acqua della piscina inferiore.

Deror avi | Wikimedia Commons
Modello in 3D delle piscine usate durante l'ebraismo del Secondo Tempio che mostra due bacini d'acqua.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni