Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Faceva la spesa, aiutava il marito, e leggeva la Bibbia: così il Papa immagina la Madonna

POPE FRANCIS
Antoine Mekary | ALETEIA
Condividi

"Maria è stata una donna normale", secondo Bergoglio, che verso di lei nutre una devozione speciale

Papa Francesco immagina e descrive la Madonna. Lo fa nel libro “Ave Maria” (Rizzoli) che riprende la serie di interviste sulla preghiera mariana più conosciuta, rilasciate su Tv2000 a Don Marco Pozza. Lo stesso Pozza ha curato la pubblicazione per Rizzoli.

Educata e amante delle Scritture

«Da quando è nata fino all’Annunciazione – spiega Francesco – al momento dell’incontro con l’angelo di Dio, me l’immagino come una ragazza normale, una ragazza di oggi, una ragazza non posso dire di città, perché Lei è di un paesino, ma normale, educata normalmente, aperta a sposarsi, a fare una famiglia. Una cosa che immagino è che amasse le Scritture: conosceva le Scritture, aveva fatto la catechesi ma familiare, dal cuore».

“Faceva la spesa, aiutava il marito”

Poi, prosegue il Papa, «dopo il concepimento di Gesù» è rimasta  «ancora una donna normale: Maria è la normalità, è una donna che qualsiasi donna di questo mondo può dire di poter imitare. Niente cose strane nella vita, una madre normale: anche nel suo matrimonio verginale, casto in quella cornice della verginità, Maria è stata normale. Lavorava, faceva la spesa, aiutava il Figlio, aiutava il marito: normale».

“Non è stata vittima dell’inganno”

Maria è nata senza peccato originale, «vuol dire che è nata, come mi piace dire, anche prima di Eva. Non è vero dal punto di vista cronologico, ma mi piace pensare che sia nata prima del momento nel quale Eva è stata ingannata, sedotta, perché Lei non è stata vittima dell’inganno, non ne ha subito le conseguenze. Però è anche nata dopo perché, nella visione della Chiesa, che non sbaglia, la ri-creazione è più importante della creazione».

Una donna “sola”

La creazione, evidenzia Bergoglio, «comincia con Adamo e poi Eva, e tutti e due insieme sono stati creati a immagine e somiglianza di Dio. La ri-creazione comincia da Maria, da una donna sola. Possiamo pensare alle donne sole che portano avanti la casa, da sole educano i figli. Ecco, Maria è ancora più sola. Sola comincia questa storia, che prosegue con Giuseppe e la famiglia; ma all’inizio la ri-creazione è il dialogo tra Dio e una donna sola».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni