Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ora esiste la stanza della rabbia: entri e spacchi tutto. Sfogarsi basta?

DONNA, RABBIA, SOLA
Shutterstock
Condividi

Le clienti di queste nuove strutture per scaricare il rancore sono prevalentemente donne. Ma si può chiudere il cuore in una stanza? I padri del deserto ci propongono una via diversa: alimenta la pazienza lotterai contro la rabbia e il rancore

Quando il nervoso prende il sopravvento, non ho a casa mia una stanza della rabbia. Ho un terrazzo e ieri sera ho trapiantato una pianta che stava diventando troppo grande e schiacciava quelle che aveva intorno. E’ stato un lavoraccio: sporco ovunque, tenaglie, sbrogliare radici, potare, poi pulire per bene. Il lavoro manuale è un antidoto, e quello che porta alla piccola costruzione di qualcosa – anche solo una pianticella in un nuovo vaso – fa scendere sul tumulto dei pensieri una carezza di serenità. Meno decoroso è il lavoro, meglio è. Educarsi alla pazienza viene più facile negli esercizi manuali, in un secondo tempo educa la pazienza spirituale.

Non è stata una scena epocale quella di ieri sera, ma pensandoci è stato un modo inconsapevole per dire a me stessa: piantala, cioè usa la tua energia rabbiosa per far sbocciare qualcosa. Quando stai per schiacciare chi ti circonda, cambia terreno.

Le nostre forze sono una benedizione per molte realtà che nascono e crescono di puro volontariato. Attorno a noi ne abbiamo a frotte, basta voler guardare. Perché limitarsi allo sfogo se la nostra rabbia può alimentare qualcosa di buono? Il bene non è schizzinoso, accoglie a braccia aperte anche la nostra voglia di incanalare una luna storta e vendicativa in un pizzico di aiuto per qualcun altro. Piuttosto che chiuderci in una stanza, non sarebbe meglio bussare a una porta e chiedere: “Posso dare una mano?”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni