Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il consiglio di Papa Francesco ai giovani del Sinodo: parlate con i vecchi (VIDEO)

Youtube
Condividi

Il papa parla al vescovo di Lione in una video intervista che sta spopolando su youtube: i vecchi sono le radici di un popolo, voi dovete farle fiorire senza paura

«Santo Padre, sarebbe un vero regalo per loro (i giovani) di poter ascoltare una parola di conforto e di speranza da parte sua…».

Approfittando di una pausa durante le riunioni del Sinodo, il vescovo ausiliare di Lione, monsignor Emmanuel Gobilliard, si è avvicinato a Papa Francesco e gli ha chiesto di lanciare con un video un breve messaggio a tutti i ragazzi e le ragazze del mondo ai quali l’assemblea sinodale è dedicata.

Virale su youtube

Gobilliard ha ripreso le parole del Pontefice tramite il suo smartphone, il video è stato poi pubblicato sul sito ufficiale dell’Arcidiocesi di Lione e rilanciato su YouTube e sui diversi social network (La Stampa, 8 ottobre).

Leggi anche: Al Sinodo si discute su gay, lesbiche e transessuali

“Parlate con i vecchi…”

Una parola di speranza per i giovani, ha chiesto il vescovo al Papa. E lui ha risposto così: «Voi siete i protagonisti della speranza! Il futuro e il presente sono nelle vostre mani»,

La parola di conforto è invece «non abbiate paura. Prendete in mano le responsabilità; siate coraggiosi, portate avanti i vostri sogni. E un consiglio che vi aiuterà tanto: parlate con i vecchi, perché loro sono le radici e voi dovete prendere da loro quella vita vissuta che non c’è più, ma che sono le radici di un popolo. E voi dovete portarla avanti per farla fiorire e dare frutto».

Leggi anche: Sinodo, giovani e sesso: reindirizzare le domande mal poste

“L’appartenenza al vostro popolo”

«Non dimenticate – aggiunge il Papa – che quello che l’albero ha di fiorito viene da quello che è sotterrato. Andate avanti, senza paura, con coraggio. Il dialogo… ma con l’appartenenza alla storia del vostro popolo. La storia del vostro popolo sono le radici e tutto lo sviluppo del popolo. Ma il vostro popolo ha bisogno di andare avanti e questo è nelle vostre mani. Questa è la vostra speranza, questo è il vostro conforto e questa è la vostra sfida. Coraggio! Avanti!».

Leggi anche: Perché il Papa ha stabilito dei momenti di silenzio “obbligatori” durante il Sinodo?

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni