Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Padre Gabriele Amorth: ho visto Padre Pio soffrire come Gesù

FATHER PIO AMORTH
Public Domain I East News
Condividi

L'esorcista ha rivelato di essere un fedele del frate di Pietrelcina. E ha raccontato di due persone indemoniate che Pio non volle liberare

Padre Gabriele Amorth ebbe un particolare rapporto spirituale con San Pio da Pietrelcina. Lo si scopre leggendo Esorcisti (edizioni Sugarco). L’autore, Marcello Stanzione racconta, per bocca di Amorth, quando è nato e cosa si sono detti in diversi incontri i due sacerdoti.

“Cercava di mascherare le sofferenze…”

«Sono stato un fedele di Padre Pio per ventisei anni – spiegava Amorth – Ossia ci andai la prima volta nel 1942, durante la guerra, e gli sono stato fedele fino al 1968. Mi ricordo in particolare due Messe, la prima e l’ultima a cui ho assistito. Un’ora e quaranta minuti è durata l’una, un’ora e cinquanta minuti l’altra. La prima Messa in cui lui, all’altare, si vedeva che cercava di mascherare le sue sofferenze in tutti i modi… Aveva questo fazzoletto con cui faceva finta di asciugarsi il sudore – si asciugava le lacrime, piangeva molto durante la Messa, soffriva molto. Vedevo alle volte quando si inginocchiava, nelle genuflessioni durante la consacrazione, quasi sembrava che non avesse la forza di rialzarsi. Ricordo tutto questo insieme di sofferenze che lui cercava di mascherare, e ne trovo la spiegazione nella sua risposta famosa a Cleonice, che gli chiedeva come si trovasse quando era sull’altare: “Mi trovo come Cristo in croce”. Si sentiva crocifisso. Veramente viveva la passione».

La “Passione di Cristo”

«Noi – prosegue nel suo racconto Amorth – diciamo sempre, ed è teologicamente esatto, che la Messa è il rinnovo della passione di Cristo, incruento; da un punto di vista però del celebrante io direi, per Padre Pio, che ogni volta la celebrazione della Messa era una celebrazione cruenta. Padre Pio soffriva immensamente, riviveva la passione».

L’esorcismo di Agnese

Il famoso esorcista ha ricordato anche quando, da giovane, conobbe Don Faustino Negrini, anziano sacerdote, già rettore del santuario mariano della Stella, a Concesio, dove è nato Paolo VI, ed esorcista. Don Faustino gli raccontò di un particolare esorcismo compiuto su una donna: Agnese Salomoni. E in questa storia uno dei protagonisti è stato proprio Padre Pio.

“E’ la più buona della parrocchia”

«Era una ragazzina di quattordici anni, parrocchiana di Don Faustino – afferma Amorth – che fu di colpo posseduta dal demonio. Quando chiedeva al diavolo: “Perché hai preso questa ragazza?”, si sentiva rispondere: “Perché è la più b

YouTube

uella persona lì. Così per tredici anni la esorcizzò. Mi portò anche a trovarla, a Ospitaletto bresciano. Fu liberata a ventisette anni».

 

L’arrivo a San Giovanni Rotondo

«Durante quel lungo periodo una volta Don Faustino la portò anche da Padre Pio. Fecero un viaggio in automobile da Torbole Casaglia a San Giovanni Rotondo, e fu un viaggio pessimo». L’auto, apparentemente in buone condizioni dava in continuazione problemi. Alla fine, dopo quel viaggio disastroso, arrivarono da Padre Pio.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni