Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Attacco ingiusto” al Papa: 7 chiavi della lettera del cardinale Ouellet a Viganò

AUDIENCE SLOVAKIA
Antoine Mekary | ALETEIA
Condividi

Francesco conosceva la situazione di McCarrick? Papa Benedetto XVI ha impartito una sanzione al cardinal McCarrick che poi Francesco non ha rispettato? Perché il cardinale Ouellet, con l'autorizzazione del Papa, risponde a Viganò?

Per il cardinale Marc Ouellet, l’attacco “ingiusto” contro Papa Francesco è una “montatura politica priva di un reale fondamento”. È quanto dichiara riferendosi alle accuse per le quali Papa Bergoglio era a conoscenza dal 23 giugno 2013 delle denunce per abusi sessuali contro l’ex cardinale statunitense Theodore McCarrick.

Per mettere a tacere l’attacco di monsignor Carlo Maria Viganò contro il Papa, il prefetto della Congregazione per i Vescovi ha scritto una lettera schietta e severa, firmata il 7 ottobre 2018, festa di Nostra Signora del Santo Rosario. Il testo è stato pubblicato quasi in concomitanza con l’appello di Francesco ai cattolici del mondo a recitare il Rosario nel mese di ottobre e a San Michele per respingere gli attacchi del diavolo contro la Chiesa.

Presentiamo 7 punti chiave presenti nella lettera aperta del cardinale Ouellet all’ex nunzio negli Stati Uniti, l’arcivescovo 77enne Viganò, che ha accusato pubblicamente il Papa di aver eluso un presunto ordine di Benedetto XVI nei confronti di McCarrick perché si ritirasse a vita privata ed è arrivato a chiedere la rinuncia del Successore di Pietro.

Vari settori dell’opinione pubblica statunitense si chiedono ancora se le accuse di copertura contro il Papa siano vere, e come hanno fatto notare alcuni osservatori la lettera di Ouellet arriva a “ritmo tranquillo” rispetto alla tempesta mediatica scatenata da Viganò, anche perché le tesi di quest’ultimo erano piuttosto deboli.

1. Francesco conosceva la situazione di McCarrick? No, è un’accusa “incredibile e inverosimile”

Il prefetto della Congregazione per i Vescovi ha risposto a Viganò sul caso McCarrick sostenendo che “francamente” “accusare Papa Francesco di aver coperto con piena cognizione di causa questo presunto predatore sessuale e di essere quindi complice della corruzione che dilaga nella Chiesa, al punto di ritenerlo indegno di continuare la sua riforma come primo pastore della Chiesa, mi risulta incredibile ed inverosimile da tutti i punti di vista”.

2. È stato Papa Francesco a far ascendere McCarrick nella gerarchia ecclesiale? No, non era neanche Pontefice

“Francesco non ha avuto alcunché a vedere con le promozioni di McCarrick a New York, Metuchen, Newark e Washington. Lo ha destituito dalla sua dignità di Cardinale quando si è resa evidente un’accusa credibile di abuso sui minori. Non ho mai sentito Papa Francesco fare allusione a questo sedicente gran consigliere del suo pontificato per le nomine in America, benché Egli non nasconda la fiducia che accorda ad alcuni prelati. Intuisco che questi non siano nelle tue preferenze, né in quelle degli amici che sostengono la tua interpretazione dei fatti. Trovo tuttavia aberrante che tu approfitti dello scandalo clamoroso degli abusi sessuali negli Stati Uniti per infliggere all’autorità morale del tuo Superiore, il Sommo Pontefice, un colpo inaudito e immeritato”.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.