Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
Santa Blanca de Castilla
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Vittima di abusi sessuali offre Messe per il suo abusatore e distribuisce il risarcimento ai più bisognosi

ciozau_w2d5vzniej4lexvaj_buetsn14vlqshw5gtqta74ycdalywat4qvmgldu2na11xg-jnpfwqzq8u9-bm74ztgthg.jpg w=1200

Jeffrey Bruno

Jaime Septién - pubblicato il 08/10/18

Anziché tenersi i 5.000 dollari datigli dal programma di sostegno, li ha usati per offrire Messe speciali in ogni parrocchia della diocesi e per comprare cibo attraverso la Caritas

Se l’abuso sessuale di minori da parte di un sacerdote cattolico è ovviamente un crimine, le conseguenze che lascia nelle vittime una volta cresciute sono in genere devastanti. Ma non tutto è perduto.

Katherine Long, editor del The Catholic Sun, il periodico della diocesi di Syracuse (New York, Stati Uniti), ha scritto una storia toccante su un uomo che da bambino è stato abusato da un sacerdote di quella diocesi e ha donato il denaro del risarcimento perché nei prossimi mesi vengano offerti sostegno spirituale e fisico ai più bisognosi e Messe per i sacerdoti abusatori e le loro vittime.

Un’opportunità di cooperare con Dio

L’uomo, la cui identità non è stata rivelata, ha partecipato al Programma Indipendente di Riconciliazione e Compensazione della diocesi di Syracuse per le persone abusate dal clero.

Anziché tenersi i 5.000 dollari datigli dal programma, però, li ha usati per offrire Messe speciali in ogni parrocchia della diocesi e per sovvenzionare l’acquisto di cibo attraverso la Caritas di Binghamton ed Endicott.

“Prima che mi venisse offerto qualcosa, l’ho visto come una possibilità per cooperare con Dio per cercare di trarre qualcosa di buono da una situazione non certo positiva per varie persone, sia vittime che sacerdoti”, ha riferito l’uomo al The Catholic Sun.

“L’ho vista come una possibilità per cercare di trarre pace e consolazione e buone notizie da decenni di conflitti, ira e tristezza”, ha aggiunto.




Leggi anche:
Suo padre gli ha spaccato la testa 14 volte, ma Ciril è riuscito a perdonarlo per tutto

Un incidente di una sola volta

L’uomo ricorda di essere stato maltrattato tra il 1986 e il 1988, quando aveva tra i 9 e gli 11 anni, da un sacerdote conosciuto e che nutriva della fiducia della sua famiglia. Descrive l’abuso come “un incidente di una sola volta”.

Ha chiesto che il suo nome non venisse usato per le donazioni né per l’intervista perché ha scelto di non condividere i dettagli relativi al suo abuso con molte persone.

La vittima ha reso nota la questione alla diocesi nel 2008. “Ho sentito che era mio dovere denunciare”, ha detto, non per il suo bene o quello dell’abusatore, che era morto vari anni prima, ma “più per dare la possibilità alla diocesi e alla Chiesa nel suo insieme di avere informazioni utili per far fronte a questo comportamento e cercare di evitare che si ripeta”.

L’uomo ha detto di essere rimasto sorpreso quando, dieci anni dopo, ha ricevuto una lettera degli amministratori del Programma Indipendente di Riconciliazione e Compensazione che lo invitava a presentare un reclamo. Era la prima volta che sentiva parlare del programma. “Ho pensato che non avevo niente da perdere a inviare le informazioni, e quindi l’ho fatto”, ha detto.

Siamo tutti peccatori

A luglio, l’uomo ha ricevuto dagli amministratori un’offerta di accordo di 5.000 dollari. Ha accettato e ad agosto ha ricevuto un assegno. Non avendo intenzione di usufruirne per sé, ha spiegato, ha iniziato a pensare a come poterlo impiegare.

Si è quindi messo in contatto con Danielle Cummings, cancelliere diocesano e direttrice delle comunicazioni, e hanno concordato che venissero offerte delle Messe, per il suo abusatore e poi anche per vari sacerdoti accusati di abuso nella sua contea natale di Broome.

L’uomo, che continua ad essere cattolico praticante, è cresciuto “mettendo sacerdoti, suore e monaci su un piedistallo e credendo che fossero leggermente al di sopra degli umani”.

“La mia esperienza con un sacerdote e altre che ho avuto, in particolare con sacerdoti e alcuni religiosi, mi hanno ricordato che siamo tutti peccatori”, ha confessato.

“Non importa quali voti abbiamo professato, le iniziali che figurano dopo il nostro nome o le abitudini che possiamo avere. Tutti abbiamo bisogno della misericordia di Dio, ed è meglio che ci perdoniamo gli uni gli altri se vogliamo essere perdonati quando ci presenteremo davanti a Lui”.


CATHOLIC MASS

Leggi anche:
Sulla scia degli scandali degli abusi, come selezionare i futuri sacerdoti la Chiesa cattolica?

Chiedere la grazia di Dio

“Sento che tutti dobbiamo presentarci davanti a Dio come siamo, riconoscere dove non arriviamo, chiedere la sua grazia e intercedere per altri, anche e specialmente per i sacedoti che hanno abusato di altre persone”, ha aggiunto.

Non volendo suscitare l’ira dei fedeli menzionando questi chierici, coordinandosi con la Cummings ha organizzato l’offerta di Messe nelle 124 parrocchie della diocesi, ciascuna destinata ai “membri locali del clero che hanno abusato e a chi ne ha subìto le conseguenze”.

Agli inizi di settembre, ogni parrocchia ha ricevuto un assegno di dieci dollari per quell’intenzione della Messa e una lettera esplicativa della Cummings. Le parrocchie hanno già iniziato a celebrare le Messe in base alle disponibilità degli orari.

“Poter avere 250.000 persone nella diocesi che pregano insieme per le vittime e per i loro abusatori, siano essi già morti o ancora con noi… non posso immaginare un passo avanti più potente per tutte le persone coinvolte”.

L’uomo ha deciso di donare i 3.760 dollari restanti del suo accordo alla Caritas della contea di Broome, per acquistare cibo a Binghamton ed Endicott. La donazione verrà usata per comprare frutta, verdura e grano fino alla fine dell’anno.

Tags:
abusicaritas
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni