Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quando le rose mettono in fuga in diavolo: una tradizione domenicana

DOMINICAN SISTERS
Condividi

Evocando la Passione

Per far sì che il nostro concetto del Rosario non sia ridotto al sentimentalismo romantico di offrire dei fiori, dovremmo ricordare che le rose hanno anche un “lato oscuro”. Le spine dovrebbero ricordarci la corona del nostro Salvatore durante la sua Passione. I petali rossi evocano le gocce di sangue che versò. I loro steli esili? Richiamano la canna che teneva in mano mentre veniva crudelmente deriso e i bastoni con cui venne picchiato. Le loro foglie? Gli abiti strappati dal suo corpo torturato.

Non è un caso che i cristiani abbiano scelto le rose, che i greci associavano ad Afrodite, la dea dell’amore, e le abbiano applicate a Maria. La Vergine ci fa addentrare nel mistero dell’amore di Cristo, ricordandoci al contempo che il vero amore richiede sacrificio. Per i cristiani, la rosa è un catechismo della carità di Cristo.

Segno di grazia

Le rose sono anche i segni delle grazie che la Divina Provvidenza permette a Maria di offrire. Le rose cadute dal mantello di Juan Diego. Una rosa abbelliva la fronte della Vergine a Knock. A La Salette le rose le coronavano il capo, una corona di rose le ornava il mantello e una terza ghirlanda le circondava i piedi. A Lourdes, Santa Bernadette ha visto su ciascuno dei suoi piedi una rosa che sbocciava.

Il fatto che la rosa compaia ripetutamente indica il suo legame privilegiato con la devozione alla Madonna. Maria stessa l’ha scelta come uno dei suoi simboli.

Tra le tante cose che rappresenta la rosa, dovremmo intepretarla come un elemento che manifesta, come dice Papa Pio XII, “la pienezza della sua perfezione e la delicatezza della sua bontà”.

Approfittate di ottobre, mese del Santo Rosario, per cogliere le grazie che Nostra Signora vuole offrire. Prendete il rosario e deponete le vostre preghiere ai suoi piedi.

Benedizione delle rose

Per la festa di Nostra Signora del Santo Rosario
Dal Breviario domenicano

O Dio, Creatore e Preservatore della razza umana, che ci doni lo Spirito Santo con i suoi sette doni e ci offri generosamente la salvezza eterna:

Ti preghiamo di santificare e benedire queste rose. Le presentiamo a te oggi e cerchiamo la tua benedizione su di loro per esprimerti la nostra riconoscenza e la devozione nei confronti della beata sempre vergine Maria e del suo Rosario.

Tu hai creato le rose come fonte di dolce fragranza e ce le hai date per elevare il nostro spirito. Attraverso il potere della santa Croce, effondi su di loro la tua benedizione celeste.

Segnate dalla santa Croce, possano ricevere una benedizione così potente che nelle case e negli ospedali in cui verranno portate i malati possano guarire. Possano i poteri del male fuggire con paura e terrore dai luoghi in cui sono custodite, e che non possano disturbare ancora i tuoi servi.

Te lo chiediamo per Cristo, nostro Signore.
Amen.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.