Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 23 Gennaio |
Santa Marianne (Barbara) Cope di Molokai
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco: Chiesa ribadisce bellezza del matrimonio ma è vicina a chi fallisce

PAPIEŻ FRANCISZEK

AFP/EAST NEWS

Vatican News - pubblicato il 07/10/18

All'Angelus Papa Francesco ricorda che “l’amore di donazione reciproca sostenuto da Cristo” tiene uniti gli sposi, mentre la ricerca della “propria soddisfazione” li divide.

“Di fronte a tanti dolorosi fallimenti coniugali” la Chiesa, che “non si stanca di confermare la bellezza della famiglia”, si sente però chiamata “a vivere la sua presenza di carità e di misericordia, per ricondurre a Dio i cuori feriti e smarriti”. Papa Francesco lo ricorda commentando all’Angelus il Vangelo di questa domenica, e la provocazione dei farisei raccontata da San Marco, che chiedono a Gesù “se sia lecito a un marito ripudiare la propria moglie, così come prevedeva la legge di Mosè”.

Uomo e donna si completano nel matrimonio

Gesù, spiega Francesco, ridimensiona la prescrizione di Mosè dicendo che la norma è stata scritta “per la durezza del vostro cuore” cioè per “tamponare le falle prodotte dal nostro egoismo”, ma che “non corrisponde all’intenzione originaria del Creatore”. Infatti Cristo cita il Libro della Genesi, che la liturgia propone nella prima lettura per spiegare che nel progetto di Dio “non c’è l’uomo che sposa una donna e, se le cose non vanno, la ripudia. No. Ci sono invece l’uomo e la donna chiamati a riconoscersi, a completarsi, ad aiutarsi a vicenda nel matrimonio”.

Se vince l’interesse singolo, l’unione si rompe

L’ insegnamento di Gesù, sottolinea il Papa, “è molto chiaro e difende la dignità del matrimonio, come unione di amore che implica la fedeltà”.

“ Ciò che consente agli sposi di rimanere uniti nel matrimonio è un amore di donazione reciproca sostenuto dalla grazia di Cristo ”

Se invece prevale nei coniugi l’interesse individuale, la propria soddisfazione, allora la loro unione non potrà resistere.

Gesù non ammette il naufragio della relazione

Anche il Vangelo, infatti, ci ricorda che l’uomo e la donna “possono dolorosamente porre gesti che” mettono in crisi la relazione e l’amore. Ma Gesù, chiarisce il Pontefice “non ammette il ripudio e tutto ciò che può portare al naufragio della relazione”. Così conferma il disegno di Dio, nel quale è fondamentale “la forza e la bellezza della relazione umana”.

La Chiesa da una parte non si stanca mai di confermare la bellezza della famiglia consegnata dalla Scrittura e dalla Tradizione, nello stesso tempo, si sforza di far sentire concretamente la sua vicinanza materna a quanti vivono l’esperienza di relazioni infrante o portate avanti in maniera sofferta e faticosa.

Dio sana l’amore ferito con il perdono

Per Papa Francesco questo è  “il modo di agire di Dio” con noi suo popolo infedele, che ci insegna che…

l’amore ferito può essere sanato da Dio attraverso la misericordia e il perdono. Perciò alla Chiesa, in queste situazioni, non è chiesta subito e solo la condanna. Al contrario, di fronte a tanti dolorosi fallimenti coniugali, essa si sente chiamata a vivere la sua presenza di amore, di carità, di misericordia e di comprensione, per ricondurre a Dio i cuori feriti e smarriti.

Gli sposi e il dono di Dio che si rinnova

Chiediamo a Maria, conclude il Papa, di aiutare “i coniugi a vivere e rinnovare sempre la loro unione a partire dal dono originario di Dio”.

Dopo la preghiera dell’Angelus, Francesco ricorda che sabato prossimo avrà luogo a Roma la 1ª Giornata delle Catacombe. “Molti siti – spiega – saranno aperti al pubblico, con laboratori didattici ed eventi culturali”. E ringrazia la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra per l’iniziativa.

QUI L’ORIGINALE

Tags:
angelusmatrimoniopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
LIBBY OSGOOD
Sandra Ferrer
Libby Osgood, la scienziata della NASA diventata suora
4
Tzachi Lang, Israel Antiquities Authority
John Burger
Un'iscrizione che riporta “Cristo nato da Maria” ritrovata in un'...
5
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
6
NIEBO
Sergio Argüello Vences
La notte in cui ho parlato con mio cugino in cielo
7
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha mai fallito
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni