Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 11 Maggio |
San Damiaan (Jozef) de Veuster
home iconNews
line break icon

In Scozia se sventoli la bandiera della Città del Vaticano potresti finire in carcere

Flag of the Vatican

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 05/10/18

In determinati contesti come stadi o manifestazioni pubbliche, potrebbe risultare "offensivo"

Fate molta attenzione al contesto in cui vi trovate. Perché in Scozia sventolare liberamente la bandiera della Città del Vaticano potrebbe essere un reato. La polizia avrebbe incluso la bandiera dello Stato con a capo Papa Francesco, nell’elenco dei simboli potenzialmente offensivi.

Fino a 5 anni di carcere

Scrive lo Scottish Herald (23 settembre), che un documento della Polizia scozzese stabilisce che«la visualizzazione delle bandiere non è un reato di per sé, se agitate o visualizzate in maniera provocatoria o alterata», costituiscono una violazione ai sensi della Sezione 38 del Criminal Justice and Licensing (Scotland) Act del 2000 (in caso di condanna in tribunale, i trasgressori che sventolano le bandiere potrebbero rischiare fino a cinque anni di carcere).

Addirittura, se alterate per includere il nome di un’organizzazione proscritta (come l’Irish Republican Army o l’Ulster Volunteer Force), le bandiere potrebbero anche violare il Terrorism Act.




Leggi anche:
Mark Zuckerberg chiede scusa per aver censurato un contenuto cattolico

La lista delle bandiere a rischio

Nella lista delle bandiere a rischio, oltre alla Città del Vaticano, anche quelle di Israele e Palestina, il tricolore irlandese, il Senyera catalano (la famosa bandiera formata da quattro fasce rosse su campo dorato), l’Ikurriña dei Paesi Baschi (che sovrappone, su uno sfondo rosso, una croce verde, simbolo di sant’Andrea, ed una bianca, simbolo della religione cattolica).

Sono considerate pericolose anche la “Orange Order flag“, la “King William of Orange flag“, “The Sunburst“, “The Starry Plough“, la “Red Hand Flag“, la “Province of Ulster Flag“, la “Leinster Flag“, la “4 Provinces flag“, e la “Ulster Independence flag“.


PIETA

Leggi anche:
Facebook censurerà la Settimana Santa?

La condotta di chi le sbandiera

Il sovrintendente capo della Polizia scozzese John McKenzie ha detto che «spesso le bandiere stesse non sono il problema, ma lo è la condotta criminale che le accompagna. Questa potrebbe includere gesti o parole minacciose, oppure le bandiere potrebbero essere modificate per mostrare il sostegno ad un gruppo terroristico proscritto o con modifiche che costituiscono un crimine di odio».

Un portavoce del governo scozzese, il segretario di giustizia Humza Yousaf, allo Scottish Observer (29 settembre), quotidiano cattolico, ha ribadito che non è reato sventolare in sé la bandiera della Città del Vaticano, ma bisogna fare attenzione al contesto: farlo in uno stadio, durante una partita, ad esempio, può costituire una violazione dei regolamenti.




Leggi anche:
La Lidl fa sparire la croce dalla pubblicità. E i cattolici gliela erigono di fronte!

Simboli confessionali e autonomisti

Secondo la polizia di Scozia, molte delle bandiere incluse nella lista contengono simboli confessionali e sono spesso esposte da gruppi repubblicani e lealisti durante le parate, mentre altre sono regolarmente viste sulle terrazze degli stadi di calcio scozzesi.

Un portavoce della Chiesa cattolica ha detto sempre all’Observer che «sarebbe molto preoccupante se la bandiera vaticana fosse considerata in qualsiasi circostanza offensiva. È stata sventolata con orgoglio in Scozia in occasione di due visite papali, senza disordini o incidenti, e il suo uso non dovrebbe essere limitato in alcun modo».

PAŃSTWO WYZNANIOWE
Shutterstock
Tags:
scoziavaticano
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
5
Mar Dorrio
Come trarre profitto spirituale dai momenti negativi?
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni