Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le interessanti scoperte archeologiche avvenute la scorsa estate

CROP CIRCLES
Condividi

Molti segni misteriosi sono emersi in antichi siti sepolcrali della campagna inglese

L’estate appena passata è stata una delle più calde della storia recente, e ha lasciato segni profondi e spesso devastanti in luoghi che spaziano dalla California alla Grecia, entrambe interessate da incendi mortali provocati dal caldo eccessivo.

Le alte temperature hanno avuto anche un altro effetto ben meno catastrofico: la scoperta accidentale di siti archeologici nascosti in varie zone della Gran Bretagna. La siccità prolungata ha traformato il verde lussureggiante che caratterizza in genere la campagna inglese in un giallo riarso che dall’alto ha rivelato antichi segni, molti dei quali rivelano la natura spirituale dei nostri antenati.

Attraverso una pratica definita “archeologia aerea”, un gruppo di ricercatori di Historic England, un’organizzazione pubblica incaricata di difendere l’ambiente storico della campagna, ha volato sulle aree in questione per studiare i “misteriosi segni nel grano” emersi durante la siccità.

“Il clima caldo ha offerto le condizioni migliori perché i nostri archeologi aerei potessero ‘vedere sotto il suolo’, visto che i segni nel grano sono definiti molto meglio quando il suolo è meno umido”, ha affermato Duncan Wilson, amministratore delegato di Historic England, in una dichiarazione. “La scoperta di antiche fattori, insediamenti e monumenti cursus del Neolitico è entusiasmante. Il tempo eccezionale ha svelato intere aree tutte in una volta, piuttosto che solo uno o due campi, ed è stato affascinante veder rivelate a livello geografico tante tracce del nostro passato”.

Grazie a ore e ore di volo, Wilson e il suo team hanno potuto scattare fotografie aeree dei siti appena emersi disseminati nella campagna inglese. Ecco alcuni dei più notevoli:

1. Due monumenti “cursus” neolitici, Clifton Reynes, Milton Keynes

Scoperti vicino Clifton Reynes, Milton Keynes, nel sud dell’Inghilterra, questi due lunghi rettangoli – noti come “monumenti cursus” – risalgono a un periodo tra il 3.600 e il 3.000 a.C. e sono probabilmente serviti come percorsi chiusi o vie di processione, o come confini tra varie zone nell’Età del Ferro. Sono tra i monumenti più antichi del Paese.

CROP MARKS; ARCHAEOLOGY; BRITAIN; KEYNES CURSUS
@Historic England
I monumenti cursus di Keynes risalgono a un periodo compreso tra il 3600 e il 3000 a.C.

2. Cerchi dell’Età del Ferro, St. Ives, Cornovaglia

Segni circolari con un fossato esterno, erano un tipo di insediamento comune in Cornovaglia durante l’Età del Ferro. In questo caso, gli archeologi sono stati in grado di individuare segni nel grano che rivelavano il fossato esterno e un recinto rettangolare e un altro doppio nelle immediate vicinanze.

ST IVE; CROP MARKS; AERIAL ARCHAEOLOGY
@Historic England
Segni circolari dell'Età del Ferro rivelati a St. Ive.
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni