Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Denis Mukwege, il medico delle donne stuprate che non si dà mai per vinto

POKOJOWA NAGRODA NOBLA 2018

FREDERICK FLORIN/AFP/East News

Denis Mukwege oraz Nadia Murad, laureaci pokojowej nagrody Nobla.

AFP - pubblicato il 05/10/18

“Dottor Miracolo”

Denis Mukwege è nato nel 1955 a Bukavu, in quello che prima era il Congo belga. È il terzo di nove figli. Dopo aver studiato Medicina nel vicino Burundi, è tornato nel suo Paese per lavorare nell’ospedale di Lemera, nel Kivu Sud.

È stato allora che ha scoperto il dolore delle donne che per mancanza di assistenza subiscono gravi lesioni genitali nel post-parto, che le condannano a problemi permanenti.

Il medico si è specializzato in Ginecologia e Ostetricia in Francia. Tornato a Lemera nel 1989, è stato assegnato al reparto di Ginecologia dell’ospedale, una struttura sanitaria ridotta in macerie durante la prima guerra del Congo nel 1996.

Nel 1999 il dottor Mukwege ha fondato l’ospedale di Panzi per permettere alle donne di partorire in condizioni ottimali. In poco tempo, la struttura è diventata una clinica per la cura degli stupri subìti durante la seconda guerra del Congo (1998-2003), quando sono stati registrati molti casi di violenza contro le donne.

Questa “guerra contra il corpo delle donne”, ricorda il medico, continua con la presenza delle milizie nelle zone del nord e sud Kivu.

Il chirurgo ha mani prodigiose. Molti lo chiamano “Dottor Miracolo” perché grazie al suo lavoro molte donne sono riuscite a riprendersi. Nel 2015 ha ottenuto il grado di professore presso l’Università Libera di Bruxelles, dove ha difeso una tesi sul trattamento delle “fistule traumatiche urogenitali”.

Il suo lavoro è stato già premiato in Europa, Stati Uniti e Asia.

Difensore della dignità umana, Mukwege ha fondato nel 2014 um movimento femminista maschile, V-Men Congo.

Presta anche il suo volto a una campagna mondiale che chiede alle grandi multinazionali un controllo delle loro catene di rifornimento perché non comprino i “minerali di sangue”, che contribuiscono ad alimentare la violenza nel Congo occidentale.

Dal 2015, il suo Paese affronta una crisi politica caratterizzata dalla violenza. Il medico condanna anche la situazione attuale. “L’uomo che ripara le donne”, come lo ha descritto un documentario sul suo lavoro, denuncia il “clima di oppressione e la restrizione dello spazio delle libertà fondamentali”.

A quanti pensano che abbia aspirazioni politiche, Mukwege dice che la sua unica preoccupazione sono le pazienti, ma che non pensino che rinuncerà alla libertà d’espressione.

Mukwege ha ricevuto il Nobel della Pace insieme all’ex schiava sessuale yazidi Nadia Murad per i loro “sforzi per porre fine all’uso della violenza sessuale come arma di guerra”.

“Denis Mukwege e Nadia Murad hanno rischiato personalmente la propria vita, lottando coraggiosamente contro i crimini di guerra e chiedendo giustizia per le vittime”, ha affermato il presidente del comitato del Nobel, Berit Reiss-Andersen.

“Un mondo più pacifico potrà essere raggiunto solo se le donne, la loro sicurezza e i loro diritti fondamentali verranno riconosciuti e preservati in tempo di guerra”.

  • 1
  • 2
Tags:
donneguerramedicorepubblica democratica del congostupro
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni