Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconFor Her
line break icon

Chat pro-anoressia: "Potrai finalmente vedere le tue splendide ossa"

ANORESSIA, RAGAZZA, PANCIA

Shutterstock

Annalisa Teggi - pubblicato il 05/10/18

Rinunciando a stare a tavola con il Cielo, ci assolviamo da soli nel Paradiso dei golosi o ci danniamo nell'Inferno dell'anoressia. Alla paura di vivere dei nostri figli che può sfociare nell'autolesionismo come rispondiamo?

L’obiettivo non è la bellezza, è sparire; perché vivere comporta dei rischi giorno per giorno. La mia più grande paura non era morire, ma vivere. (da Nemo)

I Dca, disturbi del comportamento alimentare, sono una piaga dilagante che colpisce il nervo scoperto più vivo che abbiamo, i nostri figli. Hanno molti nomi, l’anoressia nervosa è forse il più famigerato, sebbene tutti abbiano conseguenze che possono essere mortali.

Eccesso e carenza, abbuffarsi e vomitare: sono una fotografia impietosa della nostra civiltà incapace di far rivolgere il grido «ho fame, ho sete» all’anima, e non solo alle voglie e nausee della bocca.




Leggi anche:
C’è uno strano contagio che passa dalla rete: “volevo essere bella in fretta”

Sarebbe così eccessivo inquadrare una serata come tante a casa di una famiglia come tante con un adulto sul divano a sgranocchiare schiffezze davanti a un reality show e una figlia in bagno a rigurgitare la cena, guardarsi allo specchio e andare a dormire? Insieme, eppure ciascuno a fare i conti da solo con i propri bisogni e carenze.

I disturbi del comportamento alimentare interessano 3,2 milioni di persone tra 12 e 17 anni e trecentomila bambini tra 6 e 12 anni hanno problemi con il cibo. Per Laura Dalla Ragione, referente scientifico del Ministero della Salute per i Dca, “una vera e propria epidemia. Inoltre, l’età di esordio si è abbassata, vengono colpite bambine di 8-10 anni”. E sempre più maschi, oggi il 20 per cento del totale. (Huffington Post)

Susanna Manzin ci richiama spesso alvalore della cena in famiglia, come momento educativo non solo sul cibo ma sulla dignità intera della persona; è lo stesso puntiglio con cui il Vangelo scandisce momenti cruciali con scene conviviali (a Cana il primo miracolo, la moltiplicazione dei pani e dei pesci, l’Ultima Cena per congedarsi dagli amici senza abbandonarli).  Chesterton disse che ogni vera discussione deve partire a tavola, perché occorre inginocchiarsi all’umilta dell’ Incarnazione. Dio lo ha fatto, ha camminato con noi per le strade e invitato i discepoli di Emmaus a mangiare con lui, per dimostrare che non era un fantasma. Rinunciando a stare a tavola con il Cielo, ci assolviamo da soli nel Paradiso dei golosi o ci danniamo nell’Inferno dell’anoressia.

La vocina di Ana

Molti giornalisti hanno esplorato il mondo sommerso, mutevole, fluttuante delle chat pro-anoressia: qualunque ragazzina o ragazzino alla ricerca di risposte al suo disagio trova ami che possono precipitarli in un abisso di abiezioni. Non si tratta più di blog, perché possono essere facilmente controllati e chiusi, bensì di forme più istantaee al passo coi tempi della comunicazione virtuale:

Si incontrano in spazi virtuali, definiti “pro Ana” e “pro Mia” a seconda che vi si celebri l’anoressia o la bulimia. Condividono consigli, regole autoimposte, fotografie di corpi emaciati e braccia sfregiate, si supportano nel mantenimento di propositi malati, amplificando i rischi, concretissimi, che queste patologie, che possono condurre alla morte, in espansione come altri disturbi alimentari, si cronicizzino e si diffondano. (da Ibid)
CHAT, PRO, ANORESSIA

Un elemento in comune a queste chat, oltre al controllo severissimo degli iscritti, è la personificazione della malattia in una voce amica, Ana. Così come il diavolo motteggia Dio, qui la voce della coscienza viene trasformata in un interlocutore suadente che segna le tappe incalzanti del percorso di autodistruzione personale. Sono gli stessi meccanismi di persuasione di una setta, e sono potenti. Pinocchio sbottava di fronte al Grillo Parlante, perché la verità è dura da digerire; invece Ana assume la forma inflessibile ma tenera di colei che sa meglio di tutti come renderti felice. Strana parola da usare per chi persegue una strada di progressiva rinuncia del cibo, controllo maniacale del peso, autolesionismo.


DISTURBO ALIMENTARE

Leggi anche:
Il camaleonte del Disturbo del Comportamento Alimentare: cause e metodi riabilitativi

Eppure, spulciando nel decalogo delle promesse fatte dai guru nascosti pro-anoressia, l’ultimo traguardo è proprio: «Sarai finalmente felice». Altre promesse?

  • Le persone si ricorderanno di te come quella magra e bella
  • Potrai finalmente vedere le tue splendide ossa
  • Non ti alzerai più la mattina sentendoti un cesso davanti allo specchio

È davvero un ribaltamento diabolico, perché immancabilmente l’uomo ha bisogno di affidarsi e fidarsi di un «dio»; noi grandi sopravviviamo in un limbo senza eroi né divinità, ma i giovani hanno il cuore più spalancato degli adulti e proprio non riescono a stare senza un guida ispiratrice.

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
anoressiagiovanimalattia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni