Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconChiesa
line break icon

Come Giovanni Paolo II ha insegnato ad altri a recitare il Rosario

POPE JOHN PAUL II

Fair Use

Philip Kosloski - pubblicato il 04/10/18

Offre indicazioni dettagliate nella sua enciclica Rosarium Virginis Mariae

San Giovanni Paolo II era un deciso sostenitore del Rosario, che recitava ogni giorno e ha promosso spesso nel corso del suo pontificato.

Uno dei modi in cui lo ha promosso è stato offrendo indicazioni dettagliate su come seguire questa amata devozione.

Annunciare il mistero usando un’icona religiosa

Nell’enciclica Rosarium Virginis Mariae, Giovanni Paolo II ha scritto: “Enunciare il mistero, e magari avere l’opportunità di fissare contestualmente un’icona che lo raffiguri, è come aprire uno scenario su cui concentrare l’attenzione. Le parole guidano l’immaginazione e l’animo a quel determinato episodio o momento della vita di Cristo… La venerazione di icone… [può essere] di grande aiuto per favorire la concentrazione dell’animo sul mistero”.

Proclamare un passo della Bibbia

“È utile che l’enunciazione del mistero sia seguita dalla proclamazione di un passo biblico corrispondente che, a seconda delle circostanze, può essere più o meno ampio. Le altre parole, infatti, non raggiungono mai l’efficacia propria della parola ispirata. Questa va ascoltata con la certezza che è Parola di Dio, pronunciata per l’oggi e ‘per me’”.




Leggi anche:
Quando la veste di Giovanni Paolo II diventò tutta nera. Il ricordo di Arturo Mari

Permettere momenti di silenzio

Dopo il mistero e il passo biblico, Giovanni Paolo II suggerisce che “l’ascolto e la meditazione si nutrono di silenzio. È opportuno che, dopo l’enunciazione del mistero e la proclamazione della Parola, per un congruo periodo di tempo ci si fermi a fissare lo sguardo sul mistero meditato, prima di iniziare la preghiera vocale”.

Aggiungere una breve frase relativa al nome di “Gesù”

Quando si recita l’Ave Maria, Giovanni Paolo II raccomanda di aggiungere una “clausola evocatrice” che si riferisca al mistero che si sta meditando. “Già Paolo VI ricordò, nell’Esortazione apostolica Marialis cultus, l’uso praticato in alcune regioni di dar rilievo al nome di Cristo, aggiungendovi una clausola evocatrice del mistero che si sta meditando. È un uso lodevole, specie nella recita pubblica. Esso esprime con forza la fede cristologica, applicata ai diversi momenti della vita del Redentore”.

Concludere ogni decina con una breve frase sui frutti del mistero

Giovanni Paolo II consiglia che “si concluda con una preghiera volta ad ottenere i frutti specifici della meditazione di quel mistero. In questo modo il Rosario potrà esprimere con maggiore efficacia il suo legame con la vita cristiana. Lo suggerisce una bella orazione liturgica, che ci invita a chiedere di poter giungere, meditando i misteri del Rosario, ad ‘imitare ciò che contengono e ad ottenere ciò che promettono’”.

Nell’enciclica Rosarium Virginis Mariae ci sono altri suggerimenti utili per un Rosario fruttuoso, tutti con l’obiettivo di rendere il Rosario una preghiera piena d’amore nei confronti di Dio.

Se il Rosario vi sembra una preghiera arida, provate a usare questi metodi alternativi. Qualsiasi cosa farete, lasciate che la Madre di Dio muova il vostro cuore e vi avvicini a suo Figlio Gesù Cristo.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
san giovanni paolo iisanto rosario
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni