Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
Stile di vita

Meno intelligenti i bambini che stanno più di 2 ore al giorno davanti allo schermo

Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 04/10/18

Una recente ricerca ha dimostrato che i bambini più brillanti sono quelli abituati a stare poco davanti agli schermi

Il rapporto fra uso delle nuove tecnologie e lo sviluppo cognitivo ed emotivo di bambini ed adolescenti è uno degli argomenti più controversi e dibattuti in questi ultimi anni nell’ambito della comunità scientifica, e non solo. Un recente studio apparso sulle prestigiosa rivista scientifica The Lancet è stato condotto su bambini fra gli 8 e gli 11 anni (Avvenire.it), incrociando i dati dell’osservazione del loro comportamento e quelli raccolti durante i colloqui ed i test cognitivi a cui sono stati sottoposti. Le funzioni mentali che sono state valutate hanno compreso, oltre la memoria, la capacità di attenzione, la rapidità di elaborazione dei concetti, la bravura nell’eseguire vari compiti prestazionali.

I bambini più curiosi e brillanti? quelli lontani dagli schermi!

I risultati hanno evidenziato come i bambini più brillanti sono quelli abituati a stare poco davanti agli schermi e a trascorrere invece il tempo libero facendo dello sport ed impegnandosi in attività ricreative fisicamente attive. Anche fruire di un sonno regolare per ritmi e quantità si associa a migliori risultati. Da questi dati consegue la raccomandazione degli autori della ricerca ai genitori di non concedere ai propri figli un tempo maggiore delle due ore per vedere film o cartoni animati, così come per rimanere assorbiti in applicazioni interattive e videogiochi. Il dato più sconfortante che emerge da questo studio è che poco più della metà dei bambini hanno soddisfatto le raccomandazioni degli esperti sul sonno, il 37% il limite massimo delle due ore davanti lo schermo, il 18% le indicazioni relative all’attività fisica. La maggior parte di questi minori trascorreva quasi quattro ore davanti i vari schermi a loro disposizione, il doppio del tempo raccomandato, e solo uno su venti rispettava tutte e tre le suddette condizioni favorenti la più ottimale crescita intellettiva.




Leggi anche:
Francia: vietati i telefonini a scuola

Videogiochi e dislessia

D’altra parte, per spezzare una lancia a favore delle nuove tecnologie e non demonizzarle, una recente ricerca italiana svolta in collaborazione fra le Università di Bergamo e Padova, ha evidenziato come i videogiochi cosiddetti “d’azione”, molto amati da bambini e ragazzi, possono risultare utili nella cura della dislessia, aumentando la velocità di riconoscimento visivo delle parole e della loro decodifica fonologica, come riporta un articolo di Paola A. Sacchetti nel numero di gennaio-febbraio 2018 di Psicologia contemporanea.

Meglio il faccia a faccia

Sotto il profilo dello sviluppo socio-emotivo è necessario interrogarsi su quali conseguenze in età evolutiva possono derivare dall’uso massiccio e prevalente della comunicazione virtuale che le nuove tecnologie inducono, specialmente nelle generazioni dei cosiddetti “nativi digitali”. Le disposizioni biologiche alla socialità, che consentono agli esseri umani di instaurare con i propri simili relazioni positive e contenere l’aggressività, per svilupparsi adeguatamente ed assurgere a stabili modalità comportamentali necessitano di essere esercitate attraverso l’incontro faccia a faccia con gli altri. Fra queste disposizioni biologiche alla socialità riveste una particolare importanza l’empatia, grazie alla quale proviamo compassione per chi soffre, favorendo la spinta all’altruismo, alla cura ed alla cooperazione, riducendo contestualmente la propensione a fare del male come afferma in un interessante articolo pubblicato su Psicologia contemporanea (settembre-ottobre 2017) a cura di Silvia Bonino, professore onorario di Psicologia dello sviluppo presso l’Università di Torino. Nonostante questa base biologica che ci orienta ad identificarci negli altri, la condivisione non si realizza in assenza di una adeguata educazione e relativo esercizio in età infantile.




Leggi anche:
La faccia sconosciuta e miracolosa dell’empatia

Troppa virtualità diminuisce la capacità di immedesimarsi negli altri

Cosa succede quindi ad un bambino o ad un adolescente che crescono nutrendosi soprattutto di esperienze virtuali e non reali? Non è azzardato ipotizzare una diminuzione delle capacità empatiche con una crescente difficoltà ad immedesimarsi negli altri ed a viverli come esseri umani del tutto simili a noi. L’effetto più immediato di questa atrofizzazione dell’empatia è l’aumento del comportamento aggressivo che si riscontra da parte degli adolescenti sui social media, dove si registra una preoccupante escalation di violenza verbale, favorita dallo strumento virtuale che, in assenza del faccia a faccia con l’altro in carne ed ossa, conduce di fatto alle espressioni più crude ed offensive. Poiché la ripetuta messa in atto in fase di sviluppo di determinati comportamenti tende a stabilizzare a livello neurofisiologico i circuiti cerebrali coinvolti, si corre concretamente il rischio che all’aumento dell’aggressività virtuale, di per sé perniciosa, corrisponda analogo incremento, ma con ben più gravi conseguenze, nella vita reale.

Vivere fisicamente a contatto con gli altri è pertanto per un bambino ed un adolescente un valore assoluto, sia in termini emotivi che cognitivi, per cui le esperienze sociali virtuali dovrebbero essere messe al servizio di quelle reali, e non diventare – come purtroppo sempre di più avviene – un loro sostituto o una fuga dalle difficoltà che si incontrano in qualsiasi relazione umana.




Leggi anche:
La suora che lotta contro la dipendenza da smartphone dei bambini

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
bambiniempatiatecnologia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni