Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Sant'Antonio Maria Claret
Stile di vita

Qual è la cosa più importante per educare bene su Internet?

INTERNET

Olena Yakobchuk - Shutterstock

Juan Martínez Otero - pubblicato il 03/10/18

Probabilmente al giorno d'oggi la sfida più grande di qualsiasi educatore è quella di insegnare a fare un buon uso della tecnologia

Accanto a possibilità meravigliose, i nuovi strumenti digitali sono così potenti e attraenti che comportano un’infinità di rischi associati all’eccesso del loro utilizzo. Dipendenza, distrazione costante, mettersi in mostra, noia, superficialità, contenuti nocivi, cyberbullismo… la lista dei pericoli è lunga, come sa bene qualsiasi persona che sia un po’ critica.

Credo che di fronte a questa sfida l’atteggiamento principale di una madre o un padre debba essere quella della riflessione. Davanti a una situazione di questo tipo, o si ordinano le idee e si pensa a strategie d’azione astute e intelligenti o non c’è nulla da fare.

Curiosamente, molti educatori indulgono in tre atteggiamenti ben poco riflessivi – per non dire semplicemente sciocchi –, il che ha conseguenze deplorevoli sul processo educativo dei figli, che diventano a poco a poco dei “maleducati digitali”. Vediamo quali sono questi tre atteggiamenti irrazionali da rifuggire.

1. Negazione del problema

È il famoso atteggiamento dello struzzo, che davanti ai problemi seri preferisce nascondere la testa sotto la sabbia e aspettare che il pericolo passi. Nel mondo umano, questa strategia funziona raramente. Negare un problema e guardare dall’altra parte non sembra un atteggiamento educativo responsabile.

I problemi si possono camuffare, ma alla fin fine riappaiono, e più violenti. Pretendere che Internet sia meraviglioso e che i suoi rischi siano irrilevanti è sintomo di una tecno-ingenuità difficilmente scusabile.

In genere questo atteggiamento è accompagnato da frasi tanto benintenzionate quanto false: “È un altro strumento, che bisognerà imparare a usare”; “La gente si è fatta prendere dall’ansia anche per la televisione e i videogiochi, e guardaci, siamo ancora qui”…

Spesso si accusano di “esagerazione” e “tecnofobia” i padri e le madri preoccupati per la deriva a cui l’uso della tecnologia sta portando la nostra società.




Leggi anche:
Attenzione in Rete. Il fenomeno del cyberbullismo

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
educazioneinternet
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni