Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Santi Timoteo e Tito
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

I bambini che muoiono diventano angeli?

web3-baby-angel-cute-pure-whiteshutterstock

SHUTTERSTOCK

ACI Digital - pubblicato il 03/10/18

Un sacerdote spiega la questione

Nel dolore per la morte di un bambino, in genere una frase di consolazione è “È diventato un angioletto”. Ma sarà vero?

Padre Samuel Bonilla, noto nelle reti sociali come “Padre Sam”, ha spiegato sul suo sito che “per quanto siano buone le nostre intenzioni” quando si dice che i bambini diventano angeli, “non è così”.

“I bambini che muoiono non diventano angeli”, ha sottolineato.

Padre Bonilla ha indicato che “gli angeli sono esseri spirituali, non corporei, creati fin dall’inizio del mondo”.

“Non si può cambiare la natura”, ha aggiunto. “Ciascuno di noi ha una natura, quella umana. La natura degli angeli è invece spirituale”.

Per il sacerdote, “chi afferma questo non lo fa sicuramente (almeno spero) con cattive intenzioni, intendendo che il bambino non si è contaminato con il peccato, ma se siamo chiari a livello dottrinale non si diventa angeli”.

“Quando un bambino muore non diventa un angioletto, perché la sua natura è diversa da quella di un angelo. Ciò non esclude sia innocente, senza colpa”.

Tags:
angelibambinimorte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni