Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

I bambini che muoiono diventano angeli?

SHUTTERSTOCK
Condividi

Un sacerdote spiega la questione

Nel dolore per la morte di un bambino, in genere una frase di consolazione è “È diventato un angioletto”. Ma sarà vero?

Padre Samuel Bonilla, noto nelle reti sociali come “Padre Sam”, ha spiegato sul suo sito che “per quanto siano buone le nostre intenzioni” quando si dice che i bambini diventano angeli, “non è così”.

“I bambini che muoiono non diventano angeli”, ha sottolineato.

Padre Bonilla ha indicato che “gli angeli sono esseri spirituali, non corporei, creati fin dall’inizio del mondo”.

“Non si può cambiare la natura”, ha aggiunto. “Ciascuno di noi ha una natura, quella umana. La natura degli angeli è invece spirituale”.

Per il sacerdote, “chi afferma questo non lo fa sicuramente (almeno spero) con cattive intenzioni, intendendo che il bambino non si è contaminato con il peccato, ma se siamo chiari a livello dottrinale non si diventa angeli”.

“Quando un bambino muore non diventa un angioletto, perché la sua natura è diversa da quella di un angelo. Ciò non esclude sia innocente, senza colpa”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni