Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 13 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconChiesa
line break icon

Il segretario di Stato Parolin: occorre interrogarsi sul celibato, ma non mi aspetto cambiamenti

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/10/18

Già nel 2013 il porporato aveva affermato che «il celibato sacerdotale non è un dogma della Chiesa e se ne può discutere perché è una tradizione ecclesiastica» (Il Fatto Quotidiano, 2 ottobre).




Leggi anche:
Le parole del Papa sul celibato e il criterio della “salus animarum”

Il caso dell’Australia

Qualche settimana fa una proposta per l’abolizione del celibato era ufficialmente giunta dall’Australia. I dati della Commissione d’inchiesta sui preti pedofili, che per oltre due anni ha indagato su chiese, enti di beneficenza, governi locali, scuole, organizzazioni comunitarie e polizia, indicano che il 7% dei preti cattolici d’Australia è stato accusato di aver commesso abusi su minori e che dal 1980 in poi 4.444 persone hanno denunciato abusi sessuali su minori, commessi da preti o religiosi di 93 entità della Chiesa cattolica australiana.

La proposta dei preti

Il Consiglio Nazionale dei Sacerdoti, dopo una conferenza che ha esaminato le conclusioni e le raccomandazioni della Commissione d’inchiesta, ha presentato le sue proposte all’Assemblea Plenaria della Chiesa Cattolica australiana, chiedendo anche che ai preti che hanno lasciato la chiesa per sposarsi sia consentito di tornare al ministero.

Propone in particolare che i preti sposati siano assegnati in aree remote del paese, dove la scarsezza di sacerdoti è cronica.




Leggi anche:
3 buone ragioni per mantenere il celibato sacerdotale

Il “no” dei vescovi

La posizione dei sacerdoti è in contrasto con quella della Conferenza Episcopale Australiana, che nella risposta alle raccomandazioni della Commissione d’inchiesta ha accettato di sollevare la proposta del celibato facoltativo con il Vaticano, ma ne difende l’obbligo come «una pratica positiva e da tempo consolidata nella Chiesa» (Lettera43, 17 settembre).

Bergoglio ai seminaristi

Anche Papa Francesco qualche mese fa è tornato a parlare del celibato. In un incontro dei seminaristi lo ha definito una «sfida».

general audience
Antoine Mekary | ALETEIA | I.MEDIA

«Su questo – ha detto Bergoglio – state preparati perché: Se io avessi conosciuto questa donna prima di ordinarmi! In spagnolo si dice: ‘tarde piaste’, cioè te ne sei accorto tardi. Ma voi siete uomini normali, voi avete il desiderio di avere una donna, per amare. E quando venisse questa possibilità, come reagireste? Voi avete il desiderio di generare dei figli? Non solo spirituali, ma degli altri? Questa è una cosa che abbiamo nella nostra natura data da Dio. E poi, la comodità nel proprio ministero: ma, se è un po’ più comodo, non farlo con tanto sforzo….» (Agensir, 6 giugno).




Leggi anche:
Tolleranza zero per i preti pedofili. Il celibato sacerdotale sia facoltativo

“C’è sempre una porta aperta”

Nel volo di ritorno dal viaggio in Terra Santa del 2014, parlando del celibato, il Papa aveva ricordato ai giornalisti che la Chiesa Cattolica ha già dei preti sposati, «ci sono nel rito orientale», e che «il celibato non è un dogma di fede, è una regola di vita che io apprezzo tanto e credo che sia un dono per la Chiesa». Non essendo un dogma di fede, comunque, «c’è sempre una porta aperta» (Corriere della Sera, 18 giugno 2018).

I “viri probati”

Un primo banco di prova è il Sinodo dell’Amazzonia previsto per il 2019: all’ordine del giorno la questione dei “viri probati“, uomini sposati, che potrebbero avere il ruolo di sacerdote nei villaggi più remoti e dispersi, laddove si registra una oggettiva carenza del clero. Un tema delicatissimo su cui tuttora prevalgono posizioni molto diverse all’interno della Chiesa.


BENIAMINO STELLA

Leggi anche:
“Vi spiego perché stiamo riflettendo sull’istituzione dei viri probati”

PRIESTS
Michael Swan | CC BY ND 2.0

  • 1
  • 2
Tags:
celibato sacerdotale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
2
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
3
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
4
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Padre Gilvan Manuel da Silva perde pais e irmãos para covid-19
Ancoradouro
Sacerdote perde genitori e fratelli per il Covid-19 e afferma: “S...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni