Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come lottare contro i pensieri negativi che a volte ci invadono

MAN
Condividi

“I cattivi pensieri, ha detto un anziano, sono come i topi in una casa”

I Padri del deserto erano dei monaci dei primi tempi del cristianesimo che dalla fine del III secolo vissero ritirati dal mondo nei deserti di Egitto, Palestina e Siria, soli o in gruppo, per trovare il senso della loro vita e pace interiore attraverso la pratica dell’ascesi e della preghiera.

Lasciarono un’eredità di storie, chiamate apotegmi, che raccontavano ai loro discepoli e a quanti facevano loro visita, per “guarire e salvare le loro anime”, parafrasando Sant’Antonio Abate, il primo a ritirarsi nel deserto nel 270. Ci sono arrivate così queste parole di un anziano che paragona i pensieri negativi ai topi che infestano la nostra anima.

“I cattivi pensieri, ha detto un anziano, sono come i topi in una casa. Se li uccidiamo uno dopo l’altro man mano che entrano andrà tutto bene, ma se aspettiamo finché la casa non ne è infestata avremo tutti gli ostacoli immaginabili per dar loro la caccia. E anche se ci riuscissimo, la casa rimarrebbe devastata”.

Se non facciamo nulla per cacciarli, i pensieri negativi come ira, gelosia, paura o odio si infiltrano negli interstizi dell’anima e vi si insediano. I Padri del deserto amano ricordarci che la nascita di queste emozioni non dipende da noi, ma che è invece in nostro potere opporvi resistenza e cacciarli.

“Che i pensieri ci turbino o meno fa parte di quelle cose che non dipendono da noi”, ha scritto uno dei Padri, Giovanni Damasceno, nel suo Discorso utile all’anima. “Il fatto che restino o meno in noi, che suscitino o meno le passioni, fa parte di quello che è invece in nostro potere”.

Il monaco autore della metafora insiste sulla necessità di mettere in fuga i pensieri negativi uno per uno e in modo immediato, senza aspettare che proliferino e devastino la nostra anima. Spetta a noi osservare, discernere, come un vigilante del cuore, i sentimenti e le emozioni che ci schiacciano, e agire di conseguenza. Evagrio ha detto: “Fai attenzione a te stesso, sii il guardiano del tuo cuore e non permettere che alcun pensiero vi entri senza metterlo in discussione”.

Potremmo quindi chiederci: Come possiamo dare la caccia e mettere in fuga l’ira, la gelosia, la paura o l’odio che a volte ci controllano? Secondo quando indica Anselm Grün nel suo libro La saggezza dei Padri del deserto, “ciò che conta è affrontarli. Non possiamo uccidere l’odio, ad esempio, ma possiamo trasformarlo perché smetta di essere un pensiero negativo”.

Dietro l’odio, spiega, c’è spesso una necessità di proteggerci da qualcuno a cui piace offendere, ferire. Dare la caccia all’odio e metterlo in fuga significa quindi concentrarsi a costruire muri per proteggerci.

Allo stesso modo, mettere in fuga la gelosia o l’ira richiede di fare un passo indietro e di intraprendere un cammino di purificazione dei pensieri che ci turbano. La ricompensa è il fatto di raggiungere quello stato chiamato hesychia, che si può tradurre come tranquillità del cuore, calma, pace interiore.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.