Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Come un cattolico lotta santamente con la confusione di genere

GENDER CONFUSIONE GENERE
Chstity Projetc
Condividi

La confusione di genere “è un nuovo problema per il mondo e per la Chiesa”, da gestire “con sensibilità”

La confusione di genere “si manifesta in dozzine di modi ed è un nuovo problema per il mondo e per la Chiesa”, rappresentando “una realtà reale e pericolosa”. “Non si può fingere che non ci sia, e bisogna gestirla con sensibilità. La sessualità è la cosa più fragile che abbia mai conosciuto”.

Ad affermarlo è un ragazzo della Florida (Stati Uniti) che ha scelto il nome fittizio Sam Stark e dice di sé: “Sono un cattolico di poco più di vent’anni, prego ogni giorno e la mia croce in questa vita è la confusione a livello di genere”.

La confusione di genere “significa cose diverse per persone diverse”, spiega in una riflessione ripresa dal blog del Chastity Project, una forma di apostolato della purezza fatto conoscere in tutto il mondo grazie a Jason e Crystalina Evert. Per lui “vuol dire che non ho un’idea o una comprensione di base della mia sessualità”.

“In certi giorni mi interessa uscire con una ragazza, in altri vorrei avere un ragazzo”, ammette. “Certi giorni penso che dovrei essere una ragazza, e altri giorni sono piuttosto certo di essere asessuale”.

Il ragazzo spiega quello che prova usando un paragone forte: “Se siete mai stati sul punto di annegare conoscete la paura di non essere in grado di riemergere, o anche solo di riuscire a respirare abbastanza da sopravvivere. Potete aver sperimentato il terrore di non sapere quale sia la strada giusta e quale quella sbagliata. A livello emotivo è così”.

“Certi giorni sento di riuscire a gestire bene la cosa, e posso anche non pensarci affatto. Altri giorni mi perdo completamente nel dolore e nell’ansia e mi chiedo come poter convivere con questa situazione, o se voglio ancora vivere”.

“Sam” ammette di scrivere “perché ci sono tanti giovani nella Chiesa oggi che lottano con la confusione di genere, che si esprima nell’attrazione dello stesso sesso, nel desiderio di essere un membro del sesso opposto o in uno dei tanti altri modi”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni