Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano
Chiesa

Volete confessarvi o pregare? Una diocesi ha attivato il primo servizio di prenotazione su Facebook

SOCIAL MEDIA

PIXABAY

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/09/18

La sperimentazione della "parrocchia virtuale" viene da Livorno. Il social fa da tramite con preti e monache

E’ una sorta di ‘parrocchia virtuale’ quella che ha creato su Facebook la Diocesi di Livorno. Un nuovo strumento che il vescovo, monsignor Simone Giusti, ha voluto mettere a disposizione dei cittadini per riflettere, pregare e confrontarsi. E’ tramite questo profilo, infatti, che si può entrare direttamente in chiesa.

Come? Sulla pagina “Diocesi Livorno” si può prenotare, per esempio, una confessione. Non bastano più le omelie della domenica o le lezioni di catechismo ai ragazzi per avvicinare i cattolici a questo sacramento.

I due seminaristi

Un sacramento difficile da rispettare perché rivelare a un sacerdote i propri peccati può non essere una liberazione, ma una forzatura. Ecco, allora, che per accorciare le distanze tra il confessionale e la gente, la diocesi ha aperto questa pagina Facebook – gestita da due seminaristi,Gerardo Lavorgna e Vincenzo Cioppa: basta inviare un messaggio e si potrà prenotare la confessione (La Nazione, 27 settembre).




Leggi anche:
Sacerdote di 84 anni dirige una “parrocchia virtuale” con WhatsApp

“No” al sacramento on line

Ovviamente non sarà possibile usufruire del sacramento online ma sarà necessario comunque recarsi in chiesa. La Diocesi, sempre sulla pagina Facebook, indicherà i nomi dei sacerdoti disponibili a prendere un appuntamento per la confessione o anche solo per ascoltare e offrire un sostegno a chi ne ha bisogno. Un ulteriore mezzo per cercare di avvicinare i fedeli a questo sacramento, in un mondo «sempre di corsa, dove il tempo a disposizione è sempre meno».

Gli appuntamenti con il vescovo

Attraverso questo profilo, fanno sapere i promotori, si potrà anche scrivere direttamente a monsignor Giusti, mentre per avere un appuntamento resta necessario contattare la sua segreteria. Sulla pagina sarà possibile anche seguire in diretta gli incontri del vescovo e alcune celebrazioni, oltre alla lettura delle omelie domenicali e alle lezioni di catechismo. È allo studio infine la possibilità di poter richiedere l’assistenza, in caso di necessità, di un sacerdote nelle ore notturne (Tg Sky, 27 settembre).




Leggi anche:
Il rosario a mezzanotte in diretta su Facebook: recitalo insieme a don Mirco!

La preghiera delle monache di clausura

Intanto dalla diocesi fanno sapere che l’iniziativa della “parrocchia su facebook” sta avendo molto successo: per esempio, sulla pagina è stato pubblicato qualche giornofa l’avviso secondo cui le monache di clausura di Antignano si sarebbero prese l’impegno di «pregare incessantemente per tutte le richieste che ci manderete e che noi prontamente gireremo a loro». E così è stato: il post è stato commentato da più di 50 cittadini che chiedevano di pregare chi per amici, parenti, fidanzati, chi per guarire da una malattia e chi per «convertire» le persone che non credono.

“La chiesa sta tornando protagonista”

Monsignor Giusti racconta le origini di questo “spostamento innovativo” della parrocchia sul social network: «oggi la partecipazione a Livorno è cambiata — racconta il vescovo — negli anni Trenta, mentre i seminari di tutta Italia erano pieni, quello di Livorno fu chiuso per i sentimenti anticlericali della città. Oggi invece qui non c’è una parrocchia senza prete e anche quest’anno ordinerò diversi sacerdoti. Qualcosa si sta muovendo e i segnali sono tanti: con la crisi delle ideologie e la costante devozione alla Madonna di Montenero, i livornesi sono tornati a vivere la chiesa e la nostra parrocchia via web li aiuterà ulteriormente» (Corriere Fiorentino, 27 settembre).


Pope Francis

Leggi anche:
Vuoi partecipare alla riunione pre-sinodale? Puoi farlo su Facebook!

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diocesifacebook
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni