Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 01 Novembre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconChiesa
line break icon

Così il demonio tormentava San Francesco d'Assisi

SAINT FRANCIS DEVIL

Aleteia

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 29/09/18

Per il frate furono dure prove fisiche e spirituali. La più nota accadde a Roma, a casa del cardinale Leone

Negli scritti di San Francesco d’Assisi viene accentuato ciò che il diavolo opera nei confronti dei frati e quindi si richiamano i modi e i mezzi difensivi da utilizzare contro le sollecitazioni demoniache.

Si parla “istigazioni del diavolo” per indurre alla fornicazione oppure di“istigazioni del nemico per un peccato mortale” (Regola bollata 1,2,7,13).

In diverse occasioni il diavolo ha preso di mira direttamente San Francesco. In “San Francesco e gli angeli” (Edizioni Segno), Marcello Stanzione riporta gli episodi più noti.

Lottatore straordinario

Di fronte agli inganni del demonio, San Francesco invita i frati a sapersi difendere e a lottare con la fede e la preghiera. Nelle Fonti francescane viene evidenziata l’azione del Santo contro Satana, ritraendolo uomo forte e lottatore straordinario sia a difesa della propria persona, sia di quella degli altri.


SAN FRANCESCO ASSISI

Leggi anche:
Il 25 settembre inizia la novena di San Francesco d’Assisi: recitala e chiedi una grazia speciale

L’aggressione a Roma

È rimasto celebre il racconto ambientato nel palazzo del cardinale Leone a Roma, dove San Francesco era ospite e fu attaccato violentemente dal demonio fino a essere quasi mezzo morto. Gli attacchi non erano solo a livello morale o spirituale, ma erano diretti anche contro il corpo, in modo da tormentarlo fisicamente e farlo molto soffrire. Ma Francesco, munito di fede, si faceva tanto più forte e fervente nella preghiera quanto più violento era l’assalto dei nemici.

Devil
By zebra0209 | Shutterstock

Umiltà contro arroganza

Le battaglie sembravano aumentare man mano che cresceva la perfezione del Santo, diventavano più acuti e tormentosi ma, San Francesco era consapevole che alla fine la vittoria è di colui che resta fedele a Cristo, non a Satana. Per questo motivo si rimetteva alla volontà di Dio con grande umiltà, sconfiggendo l’arroganza dei demoni, sostenendo che il loro potere possono esercitarlo solo nella misura in cui la mano di Dio lo concede. I demoni non sopportano una simile forza d’animo e si ritiravano sconfitti.


ST FRANCIS,STATUE

Leggi anche:
Così è morto San Francesco d’Assisi

Il pericolo malinconia

La gioia spirituale è un’arma potente contro Satana e i frati devono usarla. San Francesco, infatti, evitava con la massima cura la malinconia, il peggiore di tutti i mali, tanto che correva il più presto possibile all’orazione, appena ne sentiva qualche accenno nel cuore.

Alle volte Satana non potendo toccare il cuore gioioso del Santo, si serviva dei suoi compagni per suscitare in essi la malinconia e togliere la letizia; ma se i frati rimanevano nella gioia, Satana si ritirava sconfitto.

Gli esorcismi

Le Fonti riportano anche molti episodi in cui Francesco ha debellato il maligno che si era impossessato di creature umane o che le turbava fisicamente; ritenendo che il demonio poteva essere sconfitto vivendo conformemente al vangelo. Dunque il santo di Assisi fu anche un efficace esorcista.


FRANCIS

Leggi anche:
5 preghiere per chiedere l’intercessione di San Francesco d’Assisi

Al posto di Lucifero

Per la sua umiltà e per il suo ardente amore San Francesco divenne degno di occupare il seggio perduto in Paradiso da Lucifero, angelo di luce, divenuto per la sua superbia un angelo decaduto e ribelle.

San Bonaventura, biografo di Francesco, nella sua Leggenda maggiore, racconta di una visione avuta da un compagno del Santo, confermata poi dall’umiltà del Serafino d’Assisi:

«Francesco, tanto in se stesso quanto negli altri, preferiva l’umiltà a tutti gli onori e perciò quel Dio che ama gli umili lo giudicava degno della gloria più eccelsa, come mostrò la visione avuta da un frate, che era un uomo di singolare virtù e devozione. Questi, mentre era compagno di viaggio dell’uomo di Dio, pregando una volta con lui in una chiesa abbandonata, venne rapito in estasi».


Jeff Gardner

Leggi anche:
Da ateo a cattolico passando per San Francesco d’Assisi

“Quel seggio è riservato a….”

Francesco vide nel cielo molti seggi e, tra essi, uno più splendido e glorioso di tutti gli altri, costellato di pietre preziose. Ammirando lo splendore di quel trono così eminente, cominciò a chiedersi ansiosamente chi mai fosse destinato a occuparlo. In mezzo a questi pensieri, udì una voce che gli diceva: “Questo seggio apparteneva a uno degli angeli precipitati ed ora è riservato per l’umile Francesco”.

Ritornato finalmente in sé, dopo quella preghiera estatica, seguì, alla solita maniera, l’uomo di Dio che stava uscendo dalla chiesa e aveva assistito all’estasi.


SAINT FRANCIS MICHEAL

Leggi anche:
La particolare devozione di San Francesco per San Michele Arcangelo

“Sono il più gran peccatore”

Procedendo nel cammino, mentre si parlavano scambievolmente di Dio, prosegue Bonaventura, «quel frate, che aveva la visione ben impressa nella mente, colse abilmente l’occasione per chiedere a Francesco che opinione aveva di se stesso. E l’umile servo di Cristo gli disse: “Mi sembra di essere il più gran peccatore”.

Il frate gli replicò che, in tutta coscienza, non poteva né pensare né dire una cosa simile; ma il “poverello” spiegò: “Se Cristo avesse trattato il più scellerato degli uomini con la stessa misericordia e bontà con cui ha trattato me, sono sicuro che quello sarebbe molto più riconoscente di me a Dio”».

L’umile e il superbo

Ascoltando queste umili parole,conclude Bonaventura, «il frate ebbe la conferma che la visione era veritiera, ben sapendo che, secondo la testimonianza del santo Vangelo, il vero umile verrà innalzato a quella gloria eccelsa, da cui il superbo viene respinto» (FF 1111).




Leggi anche:
Il Carbonio 14 conferma la leggenda del “sacco di pane” di San Francesco d’Assisi

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diavolosan francesco d'assisi
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Pope Audience
Gelsomino Del Guercio
Corruzione in Vaticano, il Papa: "Non ho paur...
O Planeta que temos
Le 7 marche di cioccolato che sfruttano il la...
COQUI
Esteban Pittaro
L'ultima Messa di un sacerdote prima di esser...
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Toscana Oggi
Si può fare la Comunione senza essersi prima ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni